Giovedì 21 Marzo 2019 | 17:23

NEWS DALLA SEZIONE

La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 
Università
Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
LecceDall'8 al 13 aprile
Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

 
BariSubentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

rignano

Voci di sgombero
Emiliano: «Basta ghetti»

La Regione non vuole perdere altro tempo: entro fine mese, si vocifera, il governatore vuol chiudere gli accampamenti più grandi in Capitanata, quelli di Rignano, Tre titoli (Cerignola) e borgo Mezzanone

il ghetto per immigrati di rignano garganico

Rignano

di MASSIMO LEVANTACI

FOGGIA - Ghetti da sgomberare, sempre più malsani e pericolosi. Allungano anche un’ombra di illegalità sull’agroalimentare foggiano esportato in tutto il mondo, come ha denunciato il presidente nazionale della Fedagri, Giorgio Mercuri, sulle nostre colonne nell’edizione di domenica 10 gennaio. La Regione non vuole perdere altro tempo, il diktat di Emiliano sarebbe già scattato: entro fine mese, si vocifera, il governatore vuol chiudere gli accampamenti più grandi in Capitanata, quelli di Rignano, Tre titoli (Cerignola) e borgo Mezzanone vicino al Cara (il centro di accoglienza per i richiedenti asilo). Non meno di 2 mila persone da sgomberare, forse da trovare loro un ricovero sia pure temporaneo prima di studiare nuove forme di reinserimento o accoglienza (per chi ha il permesso in regola). Già, ma dove? Nessuno sa niente o, se lo sa, ha la consegna del silenzio. Martedì scorso l’argomento pare non sia stato neppure sfiorato durante il Consiglio territoriale per l’immigrazione in prefettura (a porte chiuse). Il problema però si pone, in attesa di capire come la Regione intende risolvere l’accoglienza dei migranti che hanno fatto dei ghetti la loro casa, il luogo degli averi e degli interessi.

Quei ghetti vivono tutto l’anno, non come un tempo quando - specie nei mesi invernali - si spopolavano lasciando non più di 300-400 persone a Rignano (crocevia e fulcro degli arrivi in Capitanata). Oggi nel «gran Ghetto» staziona una media di 700 persone, sono venute fuori nel frattempo altre bidonville: a Rignano gli africani, i romeni a borgo Mezzanone, i bulgari nel cerignolano e via di questo passo. Luoghi diventati inaccessibili per chi non ha contatti all’interno, dove non c’è solo il caporalato a lasciare una traccia dell’illegalità diffusa. Perché nei ghetti succederebbe un po’ di tutto, anche spaccio di droga e prostituzione oltre naturalmente ai «capò» che decidono il traffico delle braccia. Per questo Emiliano ha deciso di muoversi, la situazione rischia di sfuggire anche al controllo della nostra immaginazione.

Ma in Regione c’è la consegna del silenzio, operazione top-secret anche per i più stretti collaboratori del governatore. E, si sa, dietro ogni mistero nasce sempre un’aura di fascino e di suggestione. Fa bene il presidente della Puglia ad agire così? La Gazzetta lo ha chiesto a chi due anni fa a un piano di sgombero regionale, naufragato quasi subito, ha già partecipato come Tonino D’Angelo, storico attivista di Libera, che si è ritrovato senza più la casa di accoglienza che avrebbe dovuto ospitare parte dei migranti del ghetto di Rignano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400