Lunedì 19 Novembre 2018 | 18:45

NEWS DALLA SEZIONE

Una bimba di 4 chili
Giovinazzo, 25enne partorisce in casa: non accadeva da oltre 40 anni

Giovinazzo, 25enne partorisce in casa: non accadeva da 40 anni

 
La cerimonia
A Tirana il «Bosco Puglia»: donati 3mila ulivi per l'Orbitale da 3 milioni di alberi

A Tirana il «Bosco Puglia»: donati 3mila ulivi per l'Orbitale da 3 milioni di alberi

 
Dopo una discussione
Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

Oria, sedicenne ferisce con una coltellata un compagno di scuola

 
L'interrogatorio dopo l'arresto
Mafia e scommesse online, Tommy Parisi: «Le società non c'entrano con il clan»

Mafia e scommesse online, Tommy Parisi: «Le società non c'entrano con il clan»

 
Traffico illecito
Porto di Bari, arsenale nascosto nel serbatoio di un'auto appena sbarcata: arrestato 22enne

Bari, arsenale nel serbatoio di auto sbarcata al Porto: preso 22enne Video

 
L'annuncio
Sicurezza a Bari, Sasso: «In città ci sono 30 carabinieri in più»

Sicurezza a Bari, Sasso: «In città ci sono 30 carabinieri in più»

 
Capitale della cultura Europea
Matera 2019, il ministro Bussetti: «Scuole saranno valore aggiunto»

Matera 2019, il ministro Bussetti: «Scuole saranno valore aggiunto»

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

 
Le indagini
Foggia, rapinano banca in via Matteotti con un taglierino: due ricercati

Foggia, rapinano banca con maschera di cera e taglierino: due fermi

 
Le indagini
Scoperta a Matera azienda che ha evaso 1,3 mln al Fisco

Scoperta a Matera azienda che ha evaso 1,3 mln al Fisco

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

«Trasparenza Università» Una campagna contro baronato e concorsi truffa All'ateneo di Bari quei 40 casi di coniugi per un posto da prof

 ROMA – "Quella sull'istruzione è la madre di tutte le battaglie. Chiediamo un meccanismo per difendere e incoraggiare chi segnala corruzione, malaffare, nepotismi e raccomandazioni negli atenei pubblici". Prende il via "Trasparenza nelle Università", la nuova campagna di Riparte il futuro, promossa da Libera e Gruppo Abele in collaborazione con Cgil, Cittadinanzattiva, Link Coordinamento universitario, Unione degli Studenti, Rete della Conoscenza, Forum Nazionale Giovani, Centro Iniziativa Democratica Insegnanti, Movimento Studenti di Azione Cattolica, Federazione Universitaria Cattolica Italiana
«Trasparenza Università» Una campagna contro baronato e concorsi truffa All'ateneo di Bari quei 40 casi di coniugi per un posto da prof
 ROMA – "Quella sull'istruzione è la madre di tutte le battaglie. Chiediamo un meccanismo per difendere e incoraggiare chi segnala corruzione, malaffare, nepotismi e raccomandazioni negli atenei pubblici". Prende il via "Trasparenza nelle Università", la nuova campagna di Riparte il futuro, promossa da Libera e Gruppo Abele in collaborazione con Cgil, Cittadinanzattiva, Link Coordinamento universitario, Unione degli Studenti, Rete della Conoscenza, Forum Nazionale Giovani, Centro Iniziativa Democratica Insegnanti, Movimento Studenti di Azione Cattolica, Federazione Universitaria Cattolica Italiana.

"Clientelismi, corruzione, baronato, raccomandazioni: quando qualcuno nel mondo dell’istruzione approfitta del suo ruolo per guadagnare un vantaggio personale distrugge molto più di quello che pensa", spiega Enrico Fontana, coordinatore nazionale di Libera.

La campagna vede la mobilitazione attiva degli studenti, degli insegnanti e della società civile: un vero e proprio fronte in movimento, non solo per dire basta a tutto quello che non va nel mondo dell’istruzione ma soprattutto per veicolare proposte concrete di cambiamento strutturale e culturale. "Non è un caso che il diritto allo studio venga garantito dalla Costituzione", aggiunge Fontana. "Chi danneggia le nostre università aggredisce la fiducia nel sistema pubblico che è alla base del nostro domani".

Riparte il futuro vuole sostenere un meccanismo che possa esporre e arginare le illegalità che possono accadere dentro e fuori dagli atenei. "Per farlo serve difendere e incoraggiare chi segnala corruzione, malaffare, nepotismi e raccomandazioni". Si tratta dei whistleblower: letteralmente "chi suona il fischietto", un’espressione per indicare chi sceglie di rompere i muri del silenzio sulle illegalità a cui talvolta può capitare di assistere. L’istituto è stato introdotto in Italia dalla legge anticorruzione del 2012.

"Gli atenei possono fare molto", aggiunge Fontana. "Chiediamo a tutti i rettori dei 66 atenei pubblici italiani di impegnarsi a favore del whistleblowing. Le università devono concedere una protezione efficace a chi denuncia episodi d’illegalità che avvengono al loro interno, incoraggiando la segnalazione di pratiche illegali e predisponendo massime tutele per chi ha il coraggio di parlare. E chiediamo a tutti, studenti, docenti, ricercatori, precari, di rompere il muro del silenzio complice".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400