Venerdì 16 Novembre 2018 | 13:25

NEWS DALLA SEZIONE

Le indagini
Freddato davanti ai videogiochi a Foggia, almeno 3 sicari

Freddato davanti ai videogiochi a Foggia, almeno 3 sicari

 
L'accusa
Processo escort, Berlusconi pagò le bugie del barese Tarantini

Processo escort, Berlusconi pagò le bugie dell'imprenditore barese Tarantini

 
La seconda vittima
Esplosione in fabbrica fuochi d'artificio a Lecce, morto il secondo operaio

Esplosione in fabbrica fuochi d'artificio a Lecce, morto il secondo operaio

 
L'intervista
L'archivista col bilanciere: parla Micaela De Gennaro, campionessa di bodybuilding coratina

L'archivista col bilanciere: parla Micaela Di Gennaro, campionessa di bodybuilding coratina

 
Furto andato male
Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

 
A Montescaglioso
Rubano 15kg di cannabis a uso tessile da spacciare: arrestati 4 extracomunitari nel Materano

Rubano 15kg di cannabis a uso tessile da spacciare: arrestati 4 extracomunitari nel Materano

 
La polemica
Polignano, tornelli e biglietto a 5 euro per le luminarie di Natale Il sondaggio

Polignano: tornelli e biglietto a 5 euro per le luminarie di Natale
Il sondaggio

 
L'indagine a Lecce
Inquinamento falda sotto il gasdotto: perquisiti cantieri e sedi Tap, 3 indagati

Inquinamento falda sotto il gasdotto: perquisiti cantieri e sedi Tap, 3 indagati

 
A Bari
Pregiudicato ferito a San Girolamo, arrestati 3 uomini clan Strisciuglio-Campanale

Pregiudicato ferito a San Girolamo, arrestati 3 uomini clan Strisciuglio-Campanale

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
La vertenza
Ex Om, gli operai davanti al Ministero cantano l'ìnno di Mameli

Ex Om, gli operai al Ministero cantano l'inno di Mameli Vd

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Prodi spinge la ricerca del petrolio in Basilicata

di MIMMO SAMMARTINO
POTENZA - Romano Prodi ragiona sulle opportunità che possono derivare dalle risorse che abbiamo. E che, al momento, non sono sfruttate come potrebbero. E ha fatto riferimento (anche) al petrolio lucano. A quello estraibile su terraferma e all’altro che si potrebbe estrarre sulle coste. Dinanzi alla necessità di reperire risorse per il Paese, davanti al disorientamento di chi non sa dove cercarle, l’ex presidente del Consiglio dice: per trovare i soldi che servono, dice lui, basterebbe mettersi a scavare
Prodi spinge la ricerca del petrolio in Basilicata
di Mimmo Sammartino

POTENZA - Romano Prodi ragiona sulle opportunità che possono derivare dalle risorse che abbiamo. E che, al momento, non sono sfruttate come potrebbero. E ha fatto riferimento (anche) al petrolio lucano. A quello estraibile su terraferma e all’altro che si potrebbe estrarre sulle coste. Dinanzi alla necessità di reperire risorse per il Paese, davanti al disorientamento di chi non sa dove cercarle, l’ex presidente del Consiglio dice: per trovare i soldi che servono, dice lui, basterebbe mettersi a scavare. Prodi si riferisce alle estrazioni petrolifere e cita, fra le realtà che potrebbero dare di più, Basilicata e regioni vicine. Fra giacimenti di terraferma e quelli in mare, dice, si potrebbe moltiplicare la produzione.Non ignora che molte perplessità riguardano sicurezza e protezione dell’ambiente («sono per tutti una priorità»). Né nega che «il principio di precauzione» debba avere «la precedenza su tutto». Purché però, aggiunge, tutto questo non significhi «impedimento a fare». Perché, sostiene tra l’altro Prodi, «il nostro Paese ha conoscenze, tecnologia, esperienza per riuscirvi e ha una delle più severe legislazioni a tutela dell’ambiente e della sicurezza dei territori».

A queste affermazioni è seguito un grande silenzio in Basilicata. Gli ha risposto solo il giovane presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza (Pd). «Meno male che lo stesso Prodi, dopo aver sottolineato che a suo parere occorre sfruttare tutte le risorse petrolifere disponibili, sostiene che “il principio di precauzione ha la precedenza su tutto” - dice Lacorazza. - È proprio per questo motivo che io sono fermamente contrario alle ricerche petrolifere (cioè alle trivellazioni) vicino alle coste. E poi voglio ricordare a me stesso, prima ancora che a Prodi, che con le risorse petrolifere la Basilicata contribuisce già quasi al 10% del fabbisogno energetico dell’Italia, e il completamento del programma dell’Eni, così come l’entrata in produzione del giacimento della Total, faranno lievitare a oltre il 15% il nostro contributo».

Lacorazza auspica che si possa ritrovare «lo spirito di collaborazione fra Istituzioni che proprio Prodi mostrò di avere a cuore con gli accordi del 1998, per verificare cosa non ha funzionato in questi anni e cosa possiamo fare di più (e meglio) innanzitutto per tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini. Ci vuole una nuova intesa istituzionale fra Governo e Regione, lo Stato deve realizzare infrastrutture fondamentali e le compagnie petrolifere devono fare in Basilicata investimenti produttivi veri. Il tutto va fatto con equilibrio, oltre che con il già citato principio di precauzione. Lavoro e sviluppo, ambiente e salute non sono parole buone solo per i convegni. Devono essere l’architrave della nuova intesa». Si resta in attesa delle mosse del Governo. Domani il presidente della Regione, Marcello Pittella, incontra il ministro dello Sviluppo economico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400