Lunedì 27 Maggio 2019 | 13:57

NEWS DALLA SEZIONE

No all'archiviazione
Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

 
Europee
Italia in Comune, il «caso» Abbaticchio: piega Pisicchio e i leader nazionali

Italia in Comune, Abbaticchio fa il pieno: prevale su Pisicchio e i leader nazionali

 
Le proiezioni sui seggi
Gli europarlamentari pugliesi elettiGentile in forse, la Matera non ce la fa

Gli europarlamentari pugliesi eletti
Fuori la Gentile (Pd) e Matera (FI)

 
Scrutini dalle le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
Mafia
Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

Foggia, colpo al clan Sinesi-Francavilla: arrestate 8 persone

 
A Bari, Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, tre denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
Elezioni
Europee, gli exit poll: Lega primo partito Pd avanti al M5S, seguono Fi e Fdi Puglia e Basilicata, al via gli scrutini

Europee, in Puglia M5S primo partito al 26%, Lega avanza al 25%, Pd terzo. Basilicata, pentastellati al 29,6%. Gli eurodeputati. Tutti i dati e preferenze

 
Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
La sentenza
Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

Xylella, sì del Tar alla zona-cuscinetto «Una scelta basata sui dati scientifici»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraDalla Polizia
Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

Matera, estorce soldi a professionista o lo aggredisce: 50enne arrestato e scarcerato

 
PotenzaNo all'archiviazione
Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

Tempa rossa, il mistero del suicidio dell'ex generale: riaperto il caso

 
BariOperazione della Polizia
Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

Bari, 12 chili di marijuana in scatole per elettrodomestici; in cella albanese

 
TarantoMaltrattamenti
Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

Ginosa, botte e ingiurie alla convivente: in carcere un 25enne

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 

i più letti

Amianto: 11 indagati a Bari per morte 7 lavoratori Ansaldo

BARI – I decessi di sette ex operai dello stabilimento 'Ansaldo Caldaiè di Gioia del Colle (Bari), avvenuti tra il 1994 e il 2013, sono stati causati dalla presenza di polveri di amianto sui luoghi di lavoro. E’ la conclusione a cui è giunta la Procura di Bari che ha fatto notificare ad 11 indagati, tutti ex legali...
Amianto: 11 indagati a Bari per morte 7 lavoratori Ansaldo
BARI – I decessi di sette ex operai dello stabilimento 'Ansaldo Caldaiè di Gioia del Colle (Bari), avvenuti tra il 1994 e il 2013, sono stati causati dalla presenza di polveri di amianto sui luoghi di lavoro. E’ la conclusione a cui è giunta la Procura di Bari che ha fatto notificare ad 11 indagati, tutti ex legali rappresentanti dell’azienda ed ex responsabili dello stabilimento pugliese, l'avviso di conclusione delle indagini preliminari per i reati di omicidio colposo e disastro colposo.

L'azienda è specializzata nella produzione di generatori di vapore ed è un centro di ricerca combustione. Secondo le indagini, affidate alla sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri e coordinate dal procuratore aggiunto Anna Maria Tosto, nello stabilimento sono state violate per decenni norme su gestione di polveri e materiali contenenti amianto, che venivano lavorati.

Gli operai, dipendenti dello stabilimento fin dagli anni Settanta, sono deceduti per mesotelioma pleurico e adenocarcinoma. Gli accertamenti si sono avvalsi di consulenze ingegneristiche e di medicina del lavoro. L’esito di queste consulenze tecniche, ora agli atti del fascicolo, dai prossimi giorni a disposizione delle parti, dimostra – secondo la pubblica accusa – l'esistenza del nesso di causalità fra l'esposizione all’amianto e l’insorgenza delle patologie.

In alcuni casi alcuni operai, poi deceduti, avevano denunciato l’azienda per aver contratto malattie respiratorie e tumori. Questi procedimenti, avviati per lesioni colpose, sono stati archiviati perchè i reati erano caduti in prescrizione.

Dopo i decessi degli ex lavoratori Ansaldo le famiglie, rappresentate dall’avvocato Maria Emanuela Sborgia, hanno sporto denuncia dando impulso al nuovo procedimento, conclusosi oggi con le accuse di omicidio colposo e disastro colposo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400