Venerdì 24 Maggio 2019 | 15:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Berlusconi a la Gazzetta: «Temo un asse tra Pd e M5s»

Berlusconi a la Gazzetta: «Temo un asse tra Pd e M5s»

 
I fatti nel 2013
Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

 
Orrore nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
L'episodio ad aprile
Calci e pugni a trans vicino stazione Foggia: arrestati in 4, due minorenni

Calci e pugni a trans vicino stazione Foggia: arrestati in 4, due minorenni

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
Orrore nel Leccese
Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

 
Preso anche l'autore del gesto
Fasano: gli spararono per debito di droga, lo arrestano per favoreggiamento

Fasano: gli spararono per debito di droga, lo arrestano per favoreggiamento

 
Raffaele Fitto (Ecr)
«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

«Agricoltura, la Puglia rischia di perdere 171 milioni di fondi Ue»

 
La polemica
Soldi Regione Puglia per ficton su strage Duisburg. Santelli, Antimafia: «È oscena»

Soldi Regione Puglia per fiction su strage 'ndrangheta a Duisburg. Santelli (Antimafia): «Osceno»

 
Studio Cattolica
Comuni efficienti, l'Osservatorio di Cottarelli boccia tutti i capoluoghi pugliesi

Comuni efficienti e servizi, l'Osservatorio di Cottarelli boccia i capoluoghi pugliesi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL’inchiesta
Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

 
PotenzaDai Carabinieri
Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

 
BatOrrore nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
TarantoDalla polizia
Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
LecceMelendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Ladri di farmaci scatenati «È il nuovo contrabbando»

BARI - Potrebbe diventare una nuova forma di contrabbando. Ed al momento non ci sono contromisure: i furti di farmaci dagli ospedali stanno alimentando un mercato nero fatto di micro-esportazioni verso la Grecia. Un fenomeno sotterraneo che, però, ha raggiunto dimensioni preoccupanti soprattutto in Puglia
Rubati medicinali a Taranto e Massafra
Ladri di farmaci scatenati «È il nuovo contrabbando»
di MASSIMILIANO SCAGLIARINI

BARI - Potrebbe diventare una nuova forma di contrabbando. Ed al momento non ci sono contromisure: i furti di farmaci dagli ospedali stanno alimentando un mercato nero fatto di micro-esportazioni verso la Grecia. Un fenomeno sotterraneo che, però, ha raggiunto dimensioni preoccupanti soprattutto in Puglia, tanto da finire in un rapporto riservato dell’Aisi.Negli ultimi due anni gli ospedali italiani hanno registrato una lunga serie di furti «chirurgici». Chi li compie sa bene cosa cercare: farmaci antitumorali (soprattutto), biologici, immunosoppressori, che costano migliaia di euro per flacone ma che in Italia, di fatto, non hanno mercato. Sono infatti inseriti in fascia H, quella riservata alle farmacie ospedaliere, e vengono somministrati gratuitamente. Ma a pochi chilometri dalle coste pugliesi, in Albania e soprattutto in Grecia, la situazione è ben diversa.

In Albania, per questioni di brevetti, molte specialità farmaceutiche «avanzate» non sono materialmente disponibili. In Grecia, a seguito della crisi, le grandi case farmaceutiche chiedono che le forniture vengano pagate cash e dunque negli ospedali pubblici certi antitumorali non si trovano più. Ed ecco che il mercato nero comincia ad avere un senso.

Pur valendo tantissimo, i furti più grandi (tipo quello da 1 milione al Policlinico di Bari) riguardano al massimo alcune centinaia di confezioni. Nulla di particolarmente ingombrante. E nei porti di Bari e Brindisi (ma anche ad Ancona) negli ultimi mesi sono stati fermati all’imbarco dei traghetti per la Grecia alcuni cittadini comunitari, incensurati, con il frigorifero da pic-nic. Solo che dentro, anziché panini e birre, c’erano flaconi di medicinali. Pochi pezzi e senza confezione esterna. «Siccome - spiega una fonte qualificata - è astrattamente possibile che alcune cure vengano svolte fuori dall’ospedale, una piccola scorta di quei farmaci può essere giustificabile». Ma alla seconda, terza, quarta volta, a qualcuno è venuto il dubbio che non si tratti tanto di persone bisognevoli di cure, quanto di corrieri. Il problema è dal flacone non è possibile risalire - almeno in tempi brevi - al lotto di produzione, da cui poi si potrebbe capire se il farmaco è rubato. «In Italia - prosegue la fonte - nessuno ha mai pensato a un database dei medicinali rubati». Ed è chiaro anche il perché: questi furti, seppur indirettamente, fanno il gioco dei produttori. A rimetterci è infatti solo il servizio sanitario pubblico, che deve ricomprarli due volte.

Nel 2013 (secondo l’osservatorio Transcrime) la Puglia, insieme alla Campania, ha fatto registrare il record dei furti di farmaci ospedalieri (16). E dopo i primi tre mesi del 2014 siamo già saliti a 20: nell’ultimo weekend un furto nel Tarantino, la scorsa settimana a Francavilla, a metà gennaio a Galatina. Cioè, guarda caso, nelle farmacie ospedaliere che non sono dotate di sistemi di sicurezza: circostanza che farebbe pensare a un informatore, qualcuno del settore. Tra gennaio e marzo, poi, si sono verificate due rapine a camion che trasportavano medicinali: una sventata sull’autostrada A14 nei pressi di Canosa (con l’arresto di un cerignolano), l’altra riuscita (a Bitonto) con il sequestro lampo dell’autista e il successivo ritrovamento del mezzo parzialmente svuotato. Anche in questo caso, hanno preso soltanto ciò di cui avevano bisogno.

Della questione si sta interessando anche l’Aisi (i servizi segreti) perché alcuni farmaci sono coperti da brevetto internazionale e quindi si teme lo spionaggio industriale. Ma si guarda anche alle mafie straniere, per quanto la matrice dei furti sia quasi certamente italiana e non ci sono finora evidenze di traffici organizzati di quel genere. L’unica altra ipotesi di intelligence, su cui starebbe lavorando l’Interpol, è che i farmaci finiscano nelle ricche Germania e Francia dove il costo industriale è 4-5 volte più alto che in Italia: il mercato parallelo delle medicine è sempre esistito, ma mai per i farmaci ospedalieri. Soprattutto se provenienti da furti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400