Martedì 21 Gennaio 2020 | 03:01

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce calcio, il terzino Benzar ceduto al Perugia

Lecce calcio, il terzino Benzar ceduto al Perugia

 
Giustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

 
Ambiente
Istituto zooprofilattico Puglia-Basilicata: 25 dipendenti stabilizzati

Istituto zooprofilattico Puglia-Basilicata: 25 dipendenti stabilizzati

 
La decisione
Palagiustizia Bari, Agenzia Demanio realizzerà il nuovo polo

Palagiustizia Bari, Agenzia Demanio realizzerà il nuovo polo

 
L'iniziativa
Bari, l’Università va in Carcere: studenti e docenti a lezione tra i detenuti

Bari, l’Università va in Carcere: studenti e docenti a lezione tra i detenuti

 
Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 
Su Rousseau
Regionali 2020, M5s va al ballottaggio: in Puglia duello tra Laricchia e Conca

Regionali 2020, M5s va al ballottaggio: in Puglia duello tra Laricchia e Conca

 
L'evento
Maratona delle Sardine in Puglia 3 giorni in piazza per il Sud: «Per risvegliare la memoria»

Maratona delle Sardine in Puglia, 3 giorni in piazza per il Sud: «Per risvegliare la memoria»

 
L'iniziativa
Fs italiane, anche nelle stazioni di Bisceglie e Bari Santo Spirito una «sala blu» per assistenza disabili

Fs italiane, anche nelle stazioni di Bisceglie e Bari Santo Spirito una «sala blu» per assistenza disabili

 
Il caso
Taviano, lui muore in casa: la moglie malata, bloccata a letto, resta sola per ore

Taviano, anziano muore in casa per malore: la moglie, allettata, resta sola per ore

 
Il processo
Ex Ilva, in serata il deposito delle repliche dei commissari ex Ilva

Mittal, Tar boccia ricorso in As su bonifica. Stop Acciaieria 1, Usb: 250 esuberi mascherati

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

Bari calcio, contro la Sicula Leonzio mancherà Di Cesare

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceGiustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

 
BariIl concorso
Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate riciclate in un anno

Bari, la sfida dell'acciaio: obiettivo raggiungere 400 tonnellate da riciclare in un anno

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 
TarantoIl processo
Ex Ilva, in serata il deposito delle repliche dei commissari ex Ilva

Mittal, Tar boccia ricorso in As su bonifica. Stop Acciaieria 1, Usb: 250 esuberi mascherati

 
MateraLa consegna
Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Potenza, reddito minimo
esclusi i «poco» poveri

Potenza, reddito minimo esclusi i «poco» poveri

di PIERO MIOLLA

POTENZA - Quasi una guerra tra poveri. Le proteste di alcuni ex Copes, i soggetti che beneficiavano negli anni scorsi del programma di contrasto della povertà e della esclusione sociale avviato dalla Regione Basilicata, oggi di fatto sostituito dal programma del reddito minimo d’inserimento, in scena da due giorni a Potenza, richiama alla mente gli estremi di una sorta di derby tra persone che versano in una condizione economica non rosea. Alcune di queste persone, disoccupate o espulse da anni dai cicli produttivi che non riescono ad essere più reimmessi al lavoro, protestano perché, pur avendo presentato regolare domanda per fruire del nuovo programma varato da via Anzio per ottenere un sussidio mensile di 450 euro, non possono beneficiarne.

Il paradosso, lamentano, è che, pur avendo i requisiti per fruire del reddito minimo e pur essendo in effetti stati annoverati nello stesso, non hanno visto finanziarsi l’accesso. Solo su Matera città si contano duecentotrenta soggetti astrattamente beneficiari, supportati nella protesta anche da alcuni lavoratori in mobilità, cui vanno aggiunti gli altri della provincia Materana e quelli del Potentino, i primi ad avviare la protesta sotto la Regione. Nella città dei Sassi, è andata in scena una manifestazione dinanzi al Palazzo di città per chiedere all’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Raffaello De Ruggieri di essere sostenuti nella battaglia. A Pomarico idem. Ma perché questi ex lavoratori non possono godere del trattamento economico (ma non c’è solo quello) previsto dal programma del reddito minimo d’inserimento? Perché, spiegano, avendo percepito negli anni il «gettone» riveniente dal programma di contrasto della povertà e della esclusione sociale (il Copes, appunto), hanno un reddito che non supera il tetto massimo previsto per vedersi finanziato il nuovo programma (circa novemila euro), ma, rispetto ad altri soggetti che non provengono dalla platea ex Copes e non hanno alcun reddito, vengono, di fatto, sospinti fuori dalla graduatoria per così dire finanziabile.

Insomma, poveri ma non abbastanza per «guadagnare» 450 euro al mese ed essere anche destinati ad attività come la raccolta differenziata, la manutenzione del verde pubblico e delle strade, la tutela del patrimonio regionale e qualsiasi altra attività di interesse pubblico. Un vero e proprio paradosso che cela, ma solo per chi non vuol vedere, il vero problema che c’è dietro a tutto ciò: l’esiguità delle risorse. In buona sostanza, per ricomprendere anche alcuni degli ex Copes (non tutti gli ex beneficiari del vecchio programma, infatti, sono stati esclusi) bisognerebbe stanziare maggiori fondi. Al momento la Regione Basilicata ha previsto di stanziare circa sette milioni di euro (che arrivano dal Fondo Sociale Europeo): tenendo conto che si tratta di una fase di sperimentazione del reddito minimo che dovrebbe protrarsi per soli tre mesi, dunque, potrebbe in futuro esserci davvero la possibilità di ottenere altre risorse e, dunque, di poter ampliare il novero dei soggetti fruitori. A tal proposito va ricordato che le ulteriori risorse dovrebbero arrivare da un decreto interministeriale, oggi non ancora “partorito”, che andrebbe a redistribuire le risorse delle estrazioni. Nel frattempo, la protesta continua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie