Giovedì 17 Gennaio 2019 | 20:11

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Batterio killer, l’Ue salva gli ulivi dall’abbattimento

di DANIELA PASTORE
LECCE - Nessun abbattimento indiscriminato degli ulivi, nessuna estensione del blocco dei vivai per le province di Brindisi e Taranto, «embargo» solo per i vivai di Lecce, ma immunità per la vite e gli agrumi. E’ la decisione della Commissione europea, messa nero su bianco giovedì scorso sulla Gazzetta ufficiale. Il documento, che di fatto supera le delibere della Regione Puglia, obbliga inoltre tutti gli Stati membri (e tutte le regioni italiane), ad effettuare ispezioni ed analisi annuali per accertare che «Xylella fastidiosa», il batterio che ha intaccato oltre 8mila ettari di ulivi nel Salento, non sia presente anche in altri territorio
Batterio killer, l’Ue salva gli ulivi dall’abbattimento
di Daniela Pastore

LECCE - Nessun abbattimento indiscriminato degli ulivi, nessuna estensione del blocco dei vivai per le province di Brindisi e Taranto, «embargo» solo per i vivai di Lecce, ma immunità per la vite e gli agrumi.

E’ la decisione della Commissione europea, messa nero su bianco giovedì scorso sulla Gazzetta ufficiale. Il documento, che di fatto supera le delibere della Regione Puglia, obbliga inoltre tutti gli Stati membri (e tutte le regioni italiane), ad effettuare ispezioni ed analisi annuali per accertare che «Xylella fastidiosa», il batterio che ha intaccato oltre 8mila ettari di ulivi nel Salento, non sia presente anche in altri territorio.

Rispetto alle previsione più fosche, il documento firmato dal commissario alla Salute Tonio Borg ha rasserenato un po’ gli animi degli operatori rurali e degli ambientalisti. La paventata decisione di un abbattimento estensivo di migliaia di ulivi non ci sarà. I tre ispettori rientrati venerdì sera a Bruxelles, dopo un’ispezione durata cinque giorni, con sopralluoghi a raffica negli uliveti colpiti da Xylella e nei vivai, relazioneranno ora alla Commissione europea quanto rilevato. E c’è da immaginare che verrà chiesto di procedere con l’abbattimento selettivo di alcuni ulivi, probabilmente nelle zone dove ancora il contagio non è massiccio e dove sono stati rilevati i nuovi focolai. Nessuna strage, però, questo è certo.

Resta invece il macigno sulla testa dei vivaisti della provincia di Lecce, che piangono lacrime amare per il crollo delle vendite post-embargo.

La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400