Mercoledì 14 Aprile 2021 | 10:28

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

 
Il caso
Covid 19, è allarme: così si spopola la scuola pugliese

Covid 19, è allarme: così si spopola la scuola pugliese

 
I dati per provincia
In Puglia superate le 815mila dosi somministrate: da domani il siero ai 77-76enni

In Puglia superate le 815mila dosi somministrate: da domani AstraZeneca ai 76enni e 77enni

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, Emiliano scrive Figliuolo: «Anticipare con Pfizer. Da prossima settimana dosi a 60enni»

Vaccini, Emiliano scrive a Figliuolo: «Anticipare con Pfizer. Da prossima settimana dosi a 60enni»

 
Maltempo
Pazza primavera in Puglia: caldo nel Salento e grandine a Turi e Sammichele

Pazza primavera in Puglia: caldo nel Salento e grandine a Turi e Sammichele

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 13.447 nuovi casi e 476 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus in Italia, 13.447 nuovi casi e 476 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso a Taranto
Mittal, operaio licenziato dopo post su Fb: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta

Mittal, operaio licenziato dopo post su Facebook: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta. Si apre il confronto

 
Tifosi in fermento
Puglia, un grande mercoledì di sport

Puglia, ecco un grande mercoledì di sport

 
La decisione
A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

 
Lotta al virus
Vaccini Covid, Lopalco: «Puglia terz'ultima? Esaurite dosi Pfizer e Moderna. Forse aperture anticipate»

Vaccini Covid, Lopalco: «Puglia terz'ultima? Esaurite dosi Pfizer e Moderna. Forse aperture anticipate»

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1191 casi su 13mila test (9%), ma 54 morti in un giorno, 21 solo nel Barese

Coronavirus, in Puglia 1191 casi su 13mila test (9%), ma 54 morti in un giorno, 21 solo nel Barese

 

Il Biancorosso

Biancorossi con quattro diffidati
Verso Bari-Palermo: designazione arbitrale, giudice sportivo, ultime news

Verso Bari-Palermo: ecco l'arbitro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'impatto
Foggia, scontro fra due auto: rallentamenti al traffico

Foggia, scontro fra due auto: rallentamenti al traffico

 
BariLa scoperta
Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

Chili di droga in un terreno incolto: sequestro a Sannicandro di Bari

 
BrindisiZona rossa
Brindisi, campagna contro l'abusivismo

Brindisi, campagna contro l'abusivismo

 
TarantoIl caso a Taranto
Mittal, operaio licenziato dopo post su Fb: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta

Mittal, operaio licenziato dopo post su Facebook: Sabrina Ferilli gli offre un aiuto, ma lui rifiuta. Si apre il confronto

 
MateraIl progetto
Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

Matera e l'Aizerbaijan sempre più vicine: siglato accordo di cooperazione

 
PotenzaLa decisione
A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

A Potenza fa troppo freddo, termosifoni accesi fino al 30 aprile: l'ordinanza

 
LecceLa speranza
Racale, mamma di Mauro Romano, scomparso nel '77: «È lo sceicco Al Habtoor»

Racale, mamma di Mauro Romano, scomparso nel '77: «È lo sceicco Al Habtoor»

 

i più letti

«Sos Valbasento» Solfati e manganese nelle falde acquifere

di PIERO MIOLLA
MATERA - Nella falda del Sin (sito di interesse nazionale) Valbasento vi è una notevole presenza di solfati e manganese, in concentrazione ben superiore ai limiti normativi, il cui contributo varia significativamente nel corso del tempo. Lo rivela lo «Studio Geologico e delle Caratteristiche Geochimiche delle acque sotterranee della Val Basento», effettuato da Grazia Moliterni, tirocinante Arpab, Maria Lucia Summa e Mario Scarciolla, entrambi dell’Ufficio Suolo e Rifiuti dell’Arpab, dipartimento di Matera
«Sos Valbasento» Solfati e manganese nelle falde acquifere
di PIERO MIOLLA

MATERA - Nella falda del Sin (sito di interesse nazionale) Valbasento vi è una notevole presenza di solfati e manganese, in concentrazione ben superiore ai limiti normativi, il cui contributo varia significativamente nel corso del tempo. Lo rivela lo «Studio Geologico e delle Caratteristiche Geochimiche delle acque sotterranee della Val Basento», effettuato da Grazia Moliterni, tirocinante Arpab, Maria Lucia Summa e Mario Scarciolla, entrambi dell’Ufficio Suolo e Rifiuti dell’Arpab, dipartimento di Matera.

Nella relazione, realizzata per ricostruire struttura geologica e stato geochimico delle acque sotterranee del Sin attraverso il data base costituito dai dati dei piani di caratterizzazione e bonifica, oltre che dalle attività di monitoraggio della falda realizzati dalle aziende che ivi insistono, state analizzate ben 687 stratigrafie di pozzo. Tre le aree analizzate: Salandra scalo, interessata dalle attività della centrale di desolforazione Eni (ex Agip), Macchia di Ferrandina, polo chimico interessato anche dalla presenza di aziende che lavoravano amianto (Materit), produzione di biodisel (Mythen), chimiche (Liquichimica e Pozzi, oggi Syndial) e Pisticci scalo, altro polo chimico oltre che farmaceutico, con presenza di aziende di produzione di principi attivi (Biosearch), materie plastiche e fibre chimiche (Dow, Nylstar, Politex, Equipolymers), impianti di trattamento reflui industriali (Tecnoparco) ed aree di discarica (discarica 2C, pista Mattei).

Lo studio ha preso in considerazione il manganese, i solfati ed composti alifatici clorurati cancerogeni, questi ultimi riscontrati solo a Ferrandina e Pisticci. La presenza di solfati e manganese è “variabile nel tempo: tale variabilità potrebbe essere addebitabile alla diversa mobilità geochimica di fattori sia interni che esterni alla falda che alterano l’equilibrio chimico-fisico del sistema determinando una maggiore mobilitazione dei metalli”. Ulteriore elemento di valutazione è stato quello costituito dalla presenza dei “clorurati alifatici cancerogeni: tra di essi, lo studio si è concentrato sulla presenza del tricloroetilene (trielina, ndr), presente a Ferrandina e Pisticci scalo».

Il tricoloroetilene è un solvente per composti organici utilizzato nell’industria chimica nella Valbasento negli anni ’80: il suo rinvenimento nella falda del Sin, dunque, sarebbe addebitabile alle produzioni operanti all’epoca sul sito. La sua distribuzione, «fatte salve le eterogeneità di condizioni chimico–fisi - che del prelievo di acqua di falda, mostra un andamento decrescente sia a Pisticci Scalo che a Ferrandina. Tale distribuzione potrebbe essere attribuita, nel caso di Pisticci alla, seppur parziale, attivazione del progetto consortile di Mise delle acque di falda nel comparto industriale di Pisticci scalo, sviluppato Tecnoparco. Al contrario nell’area di Ferrandina scalo, il trend di decrescita sembrerebbe una attenuazione naturale non essendo attivo, attualmente, nessun progetto di Mise e/o bonifica della falda». In ogni caso, come si può ben comprendere, la situazione delle acque di falda appare molto compromessa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie