Martedì 28 Settembre 2021 | 00:35

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Un viaggio tra le vetrine nel centro della Terra

di MARINA DIMATTIA
GRAVINA - La città sotterranea si veste da galleria commerciale. Potrebbe partire dalle viscere oscure della terra un viaggio tra le vetrine. Per far tornare a vivere la quarta dimensione. Quell'imponente reticolo di cavità ed ipogei, degno di essere visitato anche dal più frettoloso cittadino o turista, sta per prestarsi ad attività a carattere commerciale, produttivo e artigianale. C’è questo, oltre alle garanzie di crescita occupazionale, nel tentativo intrapreso dall’amministrazione e volto a dare il via libera alla facoltà d’uso dei piani interrati degli immobili
Un viaggio tra le vetrine nel centro della Terra
di MARINA DIMATTIA

GRAVINA - La città sotterranea si veste da galleria commerciale. Potrebbe partire dalle viscere oscure della terra un viaggio tra le vetrine. Per far tornare a vivere la quarta dimensione. Quell'imponente reticolo di cavità ed ipogei, degno di essere visitato anche dal più frettoloso cittadino o turista, sta per prestarsi ad attività a carattere commerciale, produttivo e artigianale. C’è questo, oltre alle garanzie di crescita occupazionale, nel tentativo intrapreso dall’amministrazione e volto a dare il via libera alla facoltà d’uso dei piani interrati degli immobili. Sono carichi gli «inquilini» di via Vittorio Veneto nel presentare la delibera con la quale nei giorni scorsi il consiglio comunale ha fatto propria la proposta di modifica al regolamento edilizio comunale avanzata dalla giunta. «Il sottosuolo del centro storico - ricorda il primo cittadino, Alesio Valente - per le sue caratteristiche geologiche e la storia dell’insediamento è particolarmente ricco di cavità, nonché di unità immobiliari risalenti all’epoca di costruzione dei fabbricati, tutte da inquadrare in una nozione di bene che occorre promuovere, e quindi rendere accessibile e sicuro, e che per la loro peculiarità possono sicuramente rappresentare un volano per l’economia del territorio da un punto di vista turistico e commerciale», riferisce Valente, purché sia rispettata la normativa vigente in materia di sicurezza del lavoro e di impiantistica antincendio, come si precisa nel deliberato. Percorre, se non la via dell’allarmismo, quella della cautela, il mondo dei geologi.

«L’iniziativa può sicuramente essere l’occasione giusta per intraprendere una operazione di controllo capillare del sottosuolo, di cui il territorio gravinese necessita», spiega Salvatore Valletta, presidente dell’ordine dei geologidella Puglia, senza rinunciare ai dettagli tecnici utili a scongiurare eventuali rischi di dissesto. «L’autorità di bacino della Basilicata a cui Gravina appartiene ha emanato la “Direttiva per la gestione e la messa in sicurezza di aree interessate da cavità sotterranee” alla quale bisogna attenersi per qualsiasi intervento. La tutela dell’incolumità della popolazione è fondamentale, considerando che l’uso delle aree sotterranee dovrà risultare compatibile con le condizioni di rischio, non solo nell’immediato ma anche in futuro. Nel caso gravinese - prosegue Valletta - bisognerà prevedere indagini interdisciplinari e geognostiche di tipo diretto, indiretto e di analisiin situe/o in laboratorio. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla rete dei sottoservizi che spesso indeboliscono le condizioni di staticità. Fino a verificare, cavità per cavità, l’esclusione o il via libera all’utilizzo ovvero eventuali interventi strutturali» conclude Valletta, presumendo in alcuni casi anche costi elevati per le attività di verifica di cui necessita l’«operazione commerciale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie