Giovedì 17 Gennaio 2019 | 06:09

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Consulta annulla immunità: Loreto (Ds) a giudizio a Potenza

Il senatore fu arrestato il 4 giugno 2001 - quando era sindaco di Castellaneta (Taranto) - nell'ambito di un'inchiesta del pm di Potenza, Henry John Woodcock, con le accuse di calunnia e violenza privata
POTENZA - La Corte Costituzionale ha annullato la delibera del Senato che, il 28 maggio 2003, deliberò che le dichiarazioni e i comportamenti dell' ex senatore Rocco Loreto (Ds) - per il quale la Procura di Potenza aveva chiesto il rinvio a giudizio per calunnia e violenza privata - erano coperti dall' immunità parlamentare.
Loreto, che ora dovrà comparire davanti al giudice dell' udienza preliminare, fu arrestato il 4 giugno 2001 - quando era sindaco di Castellaneta (Taranto) - nell' ambito di un' inchiesta coordinata dal pm di Potenza, Henry John Woodcock, con le accuse di calunnia e violenza privata. L' ex senatore tornò in libertà (dopo alcuni giorni passati agli arresti domiciliari) 15 giorni dopo, quando il Tribunale del riesame annullò l' ordinanza di custodia cautalare. Loreto era accusato di calunnia nei riguardi del magistrato Matteo Di Giorgio, in servizio alla Procura della Repubblica di Taranto, e di violenza privata per aver convinto un imprenditore - che poi ritrattò - ad accusare il magistrato.
Il 7 giugno 2003, davanti al giudice dell' udienza preliminare di Potenza, Gerardina Romaniello, in occasione della richiesta di rinvio a giudizio a carico di Loreto, Woodcock chiese al gup di sollevare conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato davanti alla Corte Costituzionale. I difensori dell' ex senatore, infatti, chiesero al gup la dichiarazione di non luogo a procedere nei confronti di Loreto esibendo proprio la delibera con cui il Senato, il 28 maggio precedente, aveva sostenuto che le dichiarazioni e i comportamenti dell' indagato rientravano nell' esercizio della funzione parlamentare ed erano perciò insindacabili. Analoga procedura per conflitto di attribuzioni è stata avviata in un altro procedimento a carico di Loreto, nel giugno di un anno fa, dal gup di Potenza, Alberto Iannuzzi. Anche in tal caso, Loreto è accusato di calunnia verso Di Giorgio. Per tale questione, la Corte Costituzionale ha dichiarato ammissibile il ricorso, ma non si è ancora pronunciata nel merito.
La Corte Costituzionale - con la sentenza n. 258 - ha accolto la tesi secondo cui esisteva «solo una mera e generica comunanza di tematiche» fra le interrogazioni presentate da Loreto e le dichiarazioni offensive a carico del magistrato tarantino; peraltro, la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato, il 14 maggio 2003, aveva detto di «non potere ravvisare l' insindacabilità nelle condotte poste in essere dal senatore Loreto, insindacabilità che l' Assemblea di Palazzo Madama aveva riconosciuto senza motivare». Nell' annullare la delibera del Senato, la Consulta ha ricordato che «è orientamento consolidato» che il nesso fra le dichiarazioni rese da un senatore all' esterno del Parlamento e l' esercizio da parte sua dell' attività parlamentare sussiste «ove ricorrano due elementi: il legame temporale fra l' attività parlamentare e l' attività esterna, di modo che questa assuma una finalità divulgativa della prima; la sostanziale corrispondenza di significato tra opinioni espresse nell' esercizio di funzioni parlamentari e atti esterni, non essendo sufficiente nè una mera comunanza di argomenti nè un mero contesto politico cui esse possano riferirsi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400