Domenica 25 Ottobre 2020 | 23:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'ordinanza
Scuola e Covid, Emiliano: «Didattica digitale almeno al 75% nelle superiori e ingressi flessibili»

Covid 19, Emiliano: «Didattica digitale almeno al 75% nelle scuole superiori con ingressi e uscite flessibili»

 
Il salvataggio
Sbarco di migranti a Nardò: in 28 soccorsi dalla Guardia Costiera. Tra loro anche minori

Sbarco di migranti a Nardò: in 28 soccorsi dalla Guardia Costiera. Tra loro anche minori

 
Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
La nomina
Dopo la Congregazione santi, il salentino Semeraro diventa cardinale

Dopo la Congregazione santi, il salentino Semeraro diventa cardinale

 
L'emergenza
Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

 
L'emergenza
Dpcm, le parole di Decaro: «Necessario saldare un patto tra cittadini e Stato»

Dpcm, le parole di Decaro: «Ci vuole un patto tra cittadini e Stato. I sindaci fermeranno le violenze»

 
Maltempo
Puglia, in arrivo forti venti di burrasca: scatta l'allerta gialla

Puglia, in arrivo forti venti di burrasca: scatta l'allerta gialla

 
Serie B
Calcio, Cosenza-Lecce termina con un pareggio: 1-1

Calcio, Cosenza-Lecce termina con un pareggio: 1-1

 
L'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 21.273 nuovi casi e 128 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 21.273 nuovi casi e 128 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
La chat acchiappa-bimbi: foto porno fra Bologna, Gallipoli, Melfi e Andria

La chat acchiappa-bimbi: foto porno fra Bologna, Gallipoli, Melfi e Andria

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
BrindisiL'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
Foggiaemergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Batla scorsa notte
Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

Montemurro in ansia «Acque contaminate nella diga del pertusillo»

di ALESSANDRO BOCCIA
MONTEMURRO - Le acque sotterranee che fuoriescono da una piccola falda poco a est del pozzo petrolifero di reiniezione «Costa Molina 2», in territorio di Montemurro nei pressi della diga del Pertusillo, sarebbero contaminate. La prova sarebbe contenuta nei dati forniti ieri mattina a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, da Albina Colella, professore ordinario di geologia e sedimentologia all’Università degli studi della Basilicata.La ricerca è stata portata avanti grazie anche alla collaborazione con professori di altri atenei italiani e del tenente Giuseppe Di Bello che da sempre partecipa alla campionatura.
Montemurro in ansia «Acque contaminate nella diga del pertusillo»
di ALESSANDRO BOCCIA

MONTEMURRO - Le acque sotterranee che fuoriescono da una piccola falda poco a est del pozzo petrolifero di reiniezione «Costa Molina 2», in territorio di Montemurro nei pressi della diga del Pertusillo, sarebbero contaminate. La prova sarebbe contenuta nei dati forniti ieri mattina a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, da Albina Colella, professore ordinario di geologia e sedimentologia all’Università degli studi della Basilicata.La ricerca è stata portata avanti grazie anche alla collaborazione con professori di altri atenei italiani e del tenente Giuseppe Di Bello che da sempre partecipa alla campionatura. Le analisi sono cominciate a maggio e sono tuttora in corso.

«Si tratta di acque contaminate - ha spiegato ieri la professoressa Colella - con composizione molto diversa da quella delle sorgenti della Val d’Agri monitorate nell’ambito del progetto europeo Pop-Fesr “Ag rifluid” di cui sono stata responsabile scientifico. Tali acque, di coloregrigio- scuro e con odore sgradevole, sono ricche di idrocarburi (540 microgrammi/litro), di metalli come il bario, il boro, il ferro, l’alluminio e ricche di sodio, magnesio, potassio, cloruri, solfati. Sono molto saline, al punto che rendono sterile il terreno su cui scorrono in superficie, impedendo la crescita della vegetazione. Ad una prima valutazione sembrerebbe che abbiano caratteristiche simili a quelle delle acque di produzione petrolifera, che comprendono sia quelle “di formazione”, ovvero quelle saline naturali associate all’olio greggio nel giacimento petrolifero, sia le“acque di processo” che vengono generalmente iniettate durante la fasedi produzione petrolifera, cui si associano idrocarburi e altri inquinanti, tra cui metalli, solidi sospesi e disciolti ed elementi radioattivi». L’acqua di produzione rappresenta lo scarto petrolifero più abbondante e viene in genere reiniettata nel sottosuolo nei cosiddetti pozzi di reiniezione, come il pozzo Costa Molina 2, ubicatovicino alla piccola sorgente.
«Diversi sono gli incidenti citati inletteratura su episodi di inquinamento del suolo, sottosuolo e falde acquifere, ad opera di queste acque di produzione» - ricorda la professoressa, che precisa come «già nel 1999, secondo notizie di stampa, si sarebbe verificato un incidente all’incamiciatura del pozzo Costa Molina 2».

Intanto, le ricerche e le analisi sono ancora in corso, fa sapere la Colella, che conta di poter fornire un quadro ancor più dettagliato della situazione nei prossimi mesi, con la realizzazione di altre analisi di acque, di suoli e terreni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie