Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 12:50

NEWS DALLA SEZIONE

a Carpino
Foggia, furbetti del cartellino al comune: in dieci in manette

Foggia, furbetti del cartellino al comune: in dieci finiscono in manette

 
La sentenza
Strage treni, oggi si decide sul rinvio a giudizio: 18 gli imputati

Strage treni, oggi si decide sul rinvio a giudizio: 18 gli imputati

 
l’emergenza in Puglia
Lotta alla Xylella, cunette nel mirino

Lotta alla Xylella, cunette nel mirino

 
Riabilitazione sociale
Lucera, i detenuti ristrutturano la palestra del carcere

Lucera, i detenuti ristrutturano la palestra del carcere

 
il bilancio della regione
Puglia, sanità in ordine ma i tagli continuano

Puglia, sanità in ordine ma i tagli continuano: ospedali più piccoli verso chiusura

 
chiesa e politica
Il forum dei Vescovi a Molfetta: «Bari e la Puglia laboratorio per la pace nel Mediterraneo»

Il forum dei Vescovi a Molfetta: «La Puglia baricentro di pace»

 
Il consiglio nazionale
Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura

Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura su lavoro e rilancio Vd

 
Il 28 dicembre
Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione il 28

 
La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
SERIE D
Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

 

Brindisi, colon perforato muore dopo il ricovero Famiglia denuncia caso

di FEDERICA MARANGIO
BRINDISI - Ha un sospetto terribile: quello che al «Perrino» abbiano perforato l’intestino del padre e che proprio per questo sia morto il giorno dopo, dopo un tentativo disperato di salvarlo in un altro ospedale. Sono tutte da chiarire le cause del decesso di Giovanni Leo (nella foto), 69 anni di San Pancrazio, conosciuto in tutta la provincia per via del suo lavoro di addetto ai palchi e alle luminarie delle feste. Il figlio Pancrazio vuole vederci chiaro. Per ora, nessun esame autoptico è stato effettuato ma non è escluso che il magistrato - alla luce anche della dettagliata denuncia del figlio, che ha indicato circostanze e reparto in maniera dettagliata - possa disporlo per accertare eventuali responsabilità. «Resta comunque l’amarezza - afferma Pancrazio Leo -. Mio padre aveva dolore alla pancia, ma stava bene. Lo abbiamo portato in ospedale ed ora non è più con noi. Tutto questo è terribile. Vogliamo capire se qualcuno ha sbagliato»
Brindisi, colon perforato muore dopo il ricovero Famiglia denuncia caso
di Federica Marangio

BRINDISI - Ha un sospetto terribile: quello che al «Perrino» abbiano perforato l’intestino del padre e che proprio per questo sia morto il giorno dopo, dopo un tentativo disperato di salvarlo in un altro ospedale.

Sono tutte da chiarire le cause del decesso di Giovanni Leo, 69 anni di San Pancrazio, conosciuto in tutta la provincia per via del suo lavoro di addetto ai palchi e alle luminarie delle feste.

Il figlio Pancrazio vuole vederci chiaro e - in calce alla sua denuncia presentata ai carabinieri - ha scritto a chiare lettere che avrebbe comunque sporto querela anche se il padre ce l’avesse fatta a sopravvivere.

Invece, purtroppo, non è andata così.

Giovanni Leo, che abitava in con trada Caragnuli, era finito in ospedale in preda a forti dolori addominali. Non riusciva ad evacuare.

«Abbiamo chiamato il 118 e l’ambulanza è arrivata in 5 minuti - racconta Pancrazio Leo -. Mia padre è rimasto su una barella del Pronto soccorso e gli hanno somministrato antidolorifici e quando è stato meglio ha pensato di tornare a casa».

«Poi però - scrive Leo nella denuncia - i dolori sono tornati come prima e mio padre è finito di nuovo al Pronto soccorso dove è rimasto per molte ore ricevendo due consulenze chirurgiche dopo le quali i medici dichiaravano che non si era necessità di intervento in quanto l’intestino er palpabile».

«Il 7 agosto - spiega ancora il figlio della vittima - nel tentativo di farlo evacuare, hanno utilizzato un clistere “alto” che ha raggiunto l’intestino e una sonda anale. Dopo questo intervento, è apparso un rigonfiamento enorme all’addome e il dolore è aumentato».

A quel punto, d’accordo con la madre Teresa Peluso e la sorella Lucia, Pancrazio Leo ha deciso di trasportare il padre in un’altra struttura contro il parere dei medici del reparto nel quale Giovanni Leo era stato «parcheggiato», dal momento che non si trovava di certo in Chirurgia.

«Abbiamo provveduto a trasportarlo a Francavilla con un’ambulanza privata - racconta il figlio -. Qui hanno effettuato una Tac ed hanno rilevato una perforazione del colon. Per cercare di salvarlo, lo hanno subito operato e i medici ci hanno detto dopo che l’addome era stato trovato colmo di feci».

Le condizioni erano talmente gravi che si è reso necessario il trasferimento in Rianimazione. Un posto è stato trovato all’ospedale di Monopoli dove il paziente poi è morto. Forse una setticemia. Forse, altro. Di certo, occorre effettuare l’autopsia per cercare di chiarire in ogni aspetto questa terribile storia.

Per ora, nessun esame autoptico è stato effettuato ma non è escluso che il magistrato - alla luce anche della dettagliata denuncia del figlio, che ha indicato circostanze e reparto in maniera dettagliata - possa disporlo per accertare eventuali responsabilità.

«Resta comunque l’amarezza - afferma Pancrazio Leo -. Mi padre aveva dolore alla pancia, ma stava bene. Lo abbiamo portato in ospedale ed ora non è più con noi. Tutto questo è terribile. Vogliamo capire se qualcuno ha sbagliato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400