Domenica 09 Agosto 2020 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

 
L'aggiornamneto nazionale
Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), in calo i decessi (

Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), calo dei decessi (+2)

 
Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
il bollettino
Coronavirus Puglia

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi su 1368 tamponi

 
nel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
L'intervista
«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»

«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»: la parola a Luciano Violante

 
politica pugliese
«Che errore la linea da duri e puri pronto al dialogo con Emiliano»

Lattanzio lascia il M5S: «Che errore la linea da duri e puri, pronto al dialogo con Emiliano»

 
Elezioni
«Non voterò per Emiliano lui vuole solo yes-man»

Puglia, Liviano non si ricandida: «Non voterò per Emiliano, lui vuole solo yes-man»

 
L'inchiesta
Taranto, lesioni colpose,. Indagati 10 medici

Taranto, perde una gamba dopo il ricovero: indagati 10 medici per lesioni colpose

 
L'intervista
«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

 
Estate
Lecce, a Ferragosto ondata di turisti: si va verso il «tutto esaurito»

Salento, a Ferragosto ondata di turisti soprattutto italiani: si va verso il sold out

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Dalla Puglia la storia «Io, prete gay e sposato ecco i segreti del Vaticano»

CARMELA FORMICOLA e LIA MINTRONE
TERLIZZI - È proprio quando father Tony Adams pronuncia: «Sì, ho fatto sesso in Vaticano» che il cielo comincia a buttar giù una pioggia biblica. Come quando nell’iconografia popolare tu pronunci una bestemmia e Dio ti squarcia il cielo con un fulmine ammonitore. Comincia così a Terlizzi, il nostro incontro con Tony Adams, 71 anni, nato in Connecticut. Sacerdote. Dichiaratamente omosessuale. E da quattro anni sposato con il suo compagno di una vita. Sposato, sì. Gay, sì. Nonché sacerdote. Tony, ma è sicuro che il Vaticano non l’abbia ancora cacciata? «Sì, sicurissimo» (nella foto padre Tony Adams mentre celebra un matrimonio omosessuale)
Dalla Puglia la storia «Io, prete gay e sposato ecco i segreti del Vaticano»
CARMELA FORMICOLA e LIA MINTRONE

TERLIZZI - Incredibile! È proprio quando father Tony Adams pronuncia: «Sì, ho fatto sesso in Vaticano» che il cielo comincia a buttar giù una pioggia biblica. Come quando nell’iconografia popolare tu pronunci una bestemmia e Dio ti squarcia il cielo con un fulmine ammonitore. Comincia così, nella splendida cucina di pietra di Villa Cappelli, a Terlizzi, sulla millenaria via Traianea, il nostro incontro con Tony Adams, 71 anni, nato in Connecticut. Sacerdote. Dichiaratamente omosessuale. E da quattro anni sposato con il suo compagno di una vita. Sposato, sì. Gay, sì. Nonché sacerdote.

Tony, ma è sicuro che il Vaticano non l’abbia ancora cacciata?
«Sì, sicurissimo»
E non l’ha nemmeno sospesa?
«No, non mi ha sospeso. Sono un prete, io. E celebro regolarmente matrimoni. Matrimoni gay».
Ma dove?
«Negli Stati americani dove le nozze tra persone dello stesso sesso sono legali. La settimana scorsa ho celebrato il matrimonio di due italiani. A New York»
Due italiani?
«Già. Uno dei due è il presidente di Endemol. Conoscete?»

Tony Adams è un uomo dolce. Sorridente. Un rosario di ricordi da sgranare dinanzi a una tazza di caffè, mentre fuori il Cielo manda giù una pioggia torrenziale e straordinaria (in fondo siamo a giugno). Lo incontriamo nel casale di Paul Cappelli, manager italo-americano che dopo cinquant’anni di successi trascorsi nella Grande Mela, e dopo un outing con moglie e figlie con cui dichiarò la sua omosessualità, è tornato da un anno e mezzo nella sua natia Terlizzi e ha dato vita ad una tenuta considerata uno dei più grandi ritrovi gay internazionali. Siamo in cucina, tra credenze di legno e cassette di rape rosse appena colte, un luogo sospeso, dove tutto - i mobili, gli oggetti, i tempi, gli odori - rimandano a un Sud bellissimo e un po' perduto mentre Tony dal suo Mac portatile tira fuori una galleria di foto sorprendenti. Anni Settanta. Lui, giovanissimo, sul grandioso altare di San Pietro, cerimoniere del papa.

Laurea in Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, subito dopo addetto all’Ufficio Cerimonie Pontificie, sotto il Pontificato di papa Paolo VI. Un’esperienza, unica. «Ho imparato che gli uomini del Vaticano amano più il potere che la loro vita personale - dice padre Adams - Quando ero al Vaticano, ho avuto una relazione con un alto prelato polacco, ma oltre alla mia storia omosessuale, ce n’erano tante altre».

Padre, sicuro che non è nemmeno mai stato scomunicato dalla Chiesa?
«Certo Non sono più attivista nella mia Diocesi, ma per mia scelta».
Quindi lei è ancora un sacerdote per la Chiesa di Roma?
«Già».

Insistiamo. La sua storia squarcia veli millenari. Ha 71 anni ma ne dimostra molti meno, sarà l’amore per suo marito a mantenerlo così giovane. «Scrivete quello che dico, perché una volta per tutte cali quel velo di ipocrisia che avvolge la Chiesa. Tutti all’interno del Vaticano sapevano delle storie che nascevano tra giovani preti e alti prelati, ma tutti facevano finta di niente, ignoravano, come uniti da un tacito accordo».

Anche lei ha avuto una storia con un uomo importante della Chiesa?
«Sì, non lo nascondo, l’ho fatto sperando di fare carriera. Lui diventò arcivescovo di una cittadina polacca (e poi finito nel 2002 in uno scandalo di molestie sessuali ai danni di giovani seminaristi rivelato dal quotidiano «Rzeczpospolita», ndr). Karol Wojtyla era appena diventato Papa. Pensavo che una storia con un suo conterraneo mi facesse fare carriera all’interno del Vaticano. Io ero un giovane prete, cedetti alle sue avances, solo dopo scoprii che Wojtyla lo detestava».

Cosa fece allora?
«Fu una bella delusione. Decisi di lasciare il Vaticano e me ne tornai in Connecticut. Volevo trovare un compagno vero volevo pensare alla mia vita, capii che la mia vita affettiva era più importante di qualsiasi potere. Andai nella Diocesi di Hartforf, diocesi che non ho mai lasciato anche se avevo deciso di non essere più un attivista per la comunità».
Perché sente il bisogno di rendere pubblica la sua storia? «La mia battaglia contro l’ipocrisia della Chiesa è iniziata quando ho visto la posizione del Vaticano rispetto al riconoscimento delle coppie gay e delle loro unioni. Tutta questa falsità è inaccettabile, almeno il 75% dei preti è omosessuale, hanno una regolare vita sessuale e affettiva e, questo, la Chiesa lo sa ma fa finta di non saperlo». ...

(La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie