Martedì 28 Settembre 2021 | 02:09

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

I grillini e Emiliano «L’abbiamo visto solo una volta»

BARI - «Non abbiamo ancora un candidato sindaco, semplicemente perché sarà scelto dagli attivisti. Ma noi non candidiamo persone esterne al movimento». E comunque, dice Vincenzo Madetti, 51 anni, portavoce barese dei Cinque Stelle (che oggi dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20,30 portano i loro gazebo in centro, tra via Sparano e via Dante, per le iniziative «Dillo al Movimento» e «Ufficio Reclami»), non c’è nessuna apertura nei confronti dell’attuale sindaco Michele Emiliano
I grillini e Emiliano «L’abbiamo visto solo una volta»
BARI - «Non abbiamo ancora un candidato sindaco, semplicemente perché sarà scelto dagli attivisti. Ma noi non candidiamo persone esterne al movimento». E comunque, dice Vincenzo Madetti, 51 anni, portavoce barese dei Cinque Stelle (che oggi dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20,30 portano i loro gazebo in centro, tra via Sparano e via Dante, per le iniziative «Dillo al Movimento» e «Ufficio Reclami»), non c’è nessuna apertura nei confronti dell’attuale sindaco Michele Emiliano: «Lo abbiamo incontrato solo una volta, quando ci ha convocato dopo una nostra diffida. Ma non ci sono rapporti politici: più che confrontarci, potremmo fare critiche per quanto costruttive». 

Dunque non sarà lei il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle? «Il candidato lo sceglieranno gli attivisti. Non abbiamo ancora fatto nemmeno un incontro tra noi. A Roma useranno un sistema on-line, dobbiamo ancora capire se potremo utilizzare la stessa piattaforma». 

Certo, d’accordo. Ma questo significa che lei non intende candidarsi? «Se gli attivisti mi sceglieranno, vedremo». 

Da qualche parte è stato scritto che il vostro candidato è la Pm Desiree Digeronimo... «Basta con questa storia, la prego. Noi non candidiamo persone esterne al movimento. Come dice Grillo: nel movimento non ti candidi, ti candidano. Se la Digeronimo vuole candidarsi, prima deve iscriversi». 

Esiste un programma del Movimento per Bari? «Esiste un nucleo di programma che verrà integrato con le proposte dei cittadini». 

Faccia un esempio. Una sua idea. «Puntare sulla mobilità sostenibile. Un sistema di trasporto dai paesi vicini, parcheggi di scambio esterni alla città con autobus che funzionano davvero». 

Il futuro della ex «Rossani»? «Un parco pubblico, così come la Fibronit e l’ex gasometro». 

Lei votava per il Msi? «Come tanti altri ho votato a destra. Non ho mai avuto una tessera di partito e non ho mai militato in alcun partito. Dai primi Anni Novanta ho smesso di votare, poi dal 2006 mi sono avvicinato a Grillo». 

Ecco, quanti sono gli attivisti baresi? «Oggi il nucleo è formato da una trentina di persone, poi c’è chi si avvicina per darci una mano ai gazebo o nelle iniziative. Dopo la vittoria a Parma abbiamo toccato il massimo, abbiamo fatto riunioni con circa 130 persone, tanti pensavano di poter avere una candidatura facile e sono spariti presto. Ma dopo le elezioni del 2009 eravamo rimasti in due, io e Lello Ciampolillo, facevamo le riunioni la sera in un pub e nonostante tutti gli annunci su Internet c’eravamo sempre e solo noi. Ma nel 2010 abbiamo fatto, in due, Rai per una notte in piazza: c’erano 2mila persone. Poi da fine 2010 sono ricominciate le adesioni». 

Senta, come vivete questa apertura di Emiliano al Movimento 5 Stelle? «Direi che non la viviamo. Siamo stati convocati una volta dopo una nostra diffida sulla raccolta differenziata. L’incontro è su Youtube. Ci sono stati forniti alcuni documenti, abbiamo espresso il nostro dissenso, ed è finita lì. Tra noi non c’è alcun rapporto. Anzi, siamo rimasti un po’ basiti quando sono state ritirate fuori le foto dell’incontro con Emiliano». 

(La notizia completa sull'edizione della Gazzetta in edicola o scaricabile qui)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie