Giovedì 28 Maggio 2020 | 21:00

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

 
L'emergenza
Fase 2, Regione Puglia: bando per acquisto 30 milione di mascherine

Fase 2, Regione Puglia: bando per acquisto 30 milione di mascherine

 
il bollettino
Coronavirus, in Italia +593 contagi. Terapie intensive per la prima volta sotto quota 500. In 24 ore 70 morti

Coronavirus, in Italia +593 contagi. Terapie intensive per la prima volta sotto quota 500. In 24 ore 70 morti

 
il siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
l'incidente
Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

 
a roma
Caso «Gazzetta», insediato tavolo di crisi a Palazzo Chigi

Caso «Gazzetta», insediato tavolo di crisi a Palazzo Chigi. Cnog, esecutivo nazionale a Bari

 
economia
Fase 2, da giunta regionale ok a fondo da 9,7 mln per aiutare famiglie in difficoltà

Fase 2, da giunta regionale ok a fondo da 9,7 mln per aiutare famiglie in difficoltà

 
matrimoni
Bari, via libera alle nozze civili in sicurezza: ecco le nuove regole anti-Covid

Bari, via libera alle nozze civili in sicurezza: ecco le nuove regole anti-Covid

 
dal gup
Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: imprenditrice condannata a 30 anni

Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: imprenditrice condannata a 30 anni

 
il caso
Arresto Procuratore Capristo: l'interrogatorio di garanzia a Potenza

Interrogatorio di garanzia per Capristo, il legale: «Ha presentato domanda di pensione»

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 5 nuovi casi su 2447 tamponi. Una vittima nel Brindisino

Coronavirus, in Puglia 5 nuovi casi su 2447 tamponi. Una vittima nel Brindisino

 

Il Biancorosso

serie C
Il tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini

Il Bari pronto a tornare in campo: i play-off l’ipotesi più credibile

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

 
Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
Leccel'incidente
Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

 
Foggial'indagine
Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

 
Baritecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
Brindisinel Brindisino
Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

 
Batnella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Materatecnologia
veduta di Montescaglioso

Montescaglioso, dal Comune un «no» deciso alla sperimentazione 5G

 

i più letti

Colafemmina, dalla Puglia il Rinascimento ebraico

di MARIA PIA SCALTRITO
Il 12 settembre scorso è morto Cesare Colafemmina, il più prestigioso studioso delle sorti delle genti ebraiche del Meridione d’Italia; il più autorevole scopritore di steli, epigrafi, documenti, catacombe, giudecche, sinagoghe di Puglia; il traduttore di opere fondamentali dell’ebraismo pugliese e mondiale. Colafemmina ha restituito alla Puglia - e all’Italia - le memorie cancellate di una comunità che ha contribuito a scrivere la storia millenaria di questo Paese
Presenze ebraiche nel Sud, una serie di convegni tra Bari, Trani e Venosa
Colafemmina, dalla Puglia il Rinascimento ebraico
di MARIA PIA SCALTRITO

Il 12 settembre scorso è morto Cesare Colafemmina, il più prestigioso studioso delle sorti delle genti ebraiche del Meridione d’Italia; il più autorevole scopritore di steli, epigrafi, documenti, catacombe, giudecche, sinagoghe di Puglia; il traduttore di opere fondamentali dell’ebraismo pugliese e mondiale. Colafemmina ha restituito alla Puglia - e all’Italia - le memorie cancellate di una comunità che ha contribuito a scrivere la storia millenaria di questo Paese. 

La sua instancabile attività ha estratto dagli archivi le fonti primarie della vita delle famiglie ebraiche che per quasi sedici secoli hanno dimorato nelle nostre cittadine di Puglia, Lucania e di Calabria. E poche città pugliesi ne sono escluse: ovunque nei piccoli borghi e nelle più grandi cittadine c’erano quartieri, case palazziate, orti, fondi agricoli, strutture e imprese commerciali, mestieri appartenenti a famiglie ebraiche. Tutti ripresi e raccontati con rigore di fonti e arguzia di raffinato umanista, erudito biblista e conoscitore delle antiche lingue, ebraico greco latino. È impossibile riprendere qui tutti i suoi meriti. Da archeologo, Colafemmina riapre negli anni Settanta la nuova stagione di scoperte sulla preziosa area della Collina della Maddalena, a Venosa. Una città che da sola raccoglie il novanta per cento dell’epig rafia ebraica altomedievale dell’intera Europa, ma soprattutto luogo esemplare di un tempo in cui ebrei e cristiani anche nella morte erano accostati da una comune umanità. Scopre e traduce steli ed epigrafi in Puglia, in Basilicata, in Sicilia, in Calabria... Raccoglie e riordina le fonti scritte degli ebrei a Taranto, ossia di tutto il territorio della vasta provincia, dagli inizi dell’era volgare al XVI secolo. E per ogni singolo documento, città, persona, è data la visione storica del tempo e la connessione con altri eventi coevi di rilevanza. 

Da questi documenti conosciamo la vita di semplici tintori e artigiani, di medici, di grandi imprenditori (come gli Abravanel); conosciamo i contratti di matrimonio e la vita delle fanciulle nubende; conosciamo i nomi dei semplici, la gran parte. Ma anche i nomi dei grandi committenti di raffinate traduzioni, di Otranto, Lecce, Massafra, Specchia…, esponenti di una antica tradizione tutta ebraica di traduzione e copiatura di manoscritti. Colafemmina ricostruisce i tasselli e le sorti degli ebrei di Puglia da San Nicandro a Nardò della Terra d’Otranto, le sapienti ascendenze degli ebrei di Oria e dei suoi celebri poeti sinagogali, le vicende e il luogo di provenienza delle steli lì conservate. Ritrova frammenti lapidei e pietre di fondazione. 

E rintraccia documenti inediti che gli permettono di localizzare i siti delle sinagoghe. Come la seconda sinagoga medievale di Bari, alle spalle della cattedrale, localizzata grazie alla scoperta della pietra con l’iscrizione datata 1314 ancora nel luogo originario. Individua anche una pietra, questa volta riusata, preziosa, con caratteri ebraici di un’ele - ganza senza altri riscontri nell’epig rafia pugliese, già appartenuta alla sinagoga di Lecce. E mentre scopre, traduce, cataloga tutte le tracce disperse delle genti ebraiche, scrive migliaia e migliaia di pagine ovunque, Colafemmina fonda una sua rivista, il «Sefer Yuhasin». 

Intanto Colafemmina per oltre sei decenni costruisce ponti con i suoi pari ebrei e non ebrei e intesse scambi culturali tra la Puglia e Gerusalemme, Tel Aviv, New York, Parigi… Come i dotti di ogni tempo hanno fatto. Per restituire alle genti ebraiche i loro nomi, le testimonianze lapidee, i fogli documentali, i racconti, le poesie, le opere dell’umano ingegno, i «segni» del loro secolare passaggio. E a tutti gli altri le pagine strappate di una storia comune che ha conosciuto privilegi tanto eccellenti da far considerare la vasta Puglia con la vicina Basilicata la terra del «Rinascimento Ebraico». 
Da Oria ad Otranto, da Bari a Trani, da Barletta ad Andria, Gravina, Monopoli, Altamura, Siponto, Manduria… fioriscono i secoli d’oro della rinascenza giudaica che si riverserà poi in tutta Europa. Nella tradizione kabbalistica ebraica si insegna che, quando il male è commesso sul volto del mondo, si produce uno strappo nella trama della Creazione. Allora ogni anima dovrebbe ripagare il dono ricevuto venendo in vita con il Tikkun Olam, letteralmente «riparare l’universo», ossia agendo con atti di gentilezza, amore, generosità per ripristinare la bellezza e l’armonia. Ma anche per «liberare scintille di rugiada». Cesare Colafemmina ha certamente riparato molti strappi e ricucito col filo della sapienza tante mancanze. Il mondo che ci lascia ora ha sicuramente molte più scintille di rugiada che brillano nella notte. E non solo della Puglia Ebraica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie