Sabato 28 Maggio 2022 | 22:13

In Puglia e Basilicata

«I medici "ammazzano" 6 pazienti ogni 100»

24 Settembre 2005

VARESE - In Italia ogni anno, mediamente, muore oltre il 6% dei ricoverati in ospedale per un errore medico. E' uno dei dati più significativi emerso in apertura del Sesto simposio internazionale di salute pubblica in corso oggi a Villa Porro Pirelli di Induno Olona (Varese).
Organizzato dall'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Varese in collaborazione con altri Ordini dell'insubria è una riflessione sul tema «La medicina centrata sulla sicurezza del paziente» e vede la partecipazione non solo di medici ma anche di numerosi magistrati. L'errore medico sta diventando la preoccupazione maggiore dei sistemi sanitari odierni. Il simposio vuole lanciare proposte affinchè il medico che sbaglia non si nasconda ma, anzi, evidenzi lo sbaglio per poterlo studiare senza il timore di finire sulla graticola della giustizia. In Italia, come nella maggior parte dei paesi europei, non vi è una rilevazione a livello nazionale sugli errori. Durante il simposio sono stati presi ad esempio i numeri pubblicati dalla rivista «Rischio sanità» del giugno 2001: in Italia si effettuano mediamente 8 milioni di ricoveri l'anno. Ben 340mila pazienti escono dagli ospedali con danni o malattie dovuti esclusivamente ad errori nelle cure o a disservizi ospedalieri. Il numero dei morti in conseguenza di errori è fortemente incerto ed oscilla tra 14mila e 50mila decessi. Se si considera che nel 2000 si sono verificati 557.584 decessi nel loro complesso, i 35mila morti per errore medico costituiscono il 6,2%.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725