Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 21:36

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Bari, per il nuovo Pediatrico 200 assunzioni e 100 lavori

Bari, per il nuovo Pediatrico 200 assunzioni e 100 interventi di manutenzione

 
La commessa da 187 milioni
Lavanolo, rischio camorra dietro la ditta che voleva il maxi appalto in Puglia

Lavanolo, a rischio camorra la ditta che voleva il maxi appalto in Puglia

 
La mobilitazione
Welfare, in 2mila protestano per servizi socio-sanitari davanti la Regione

Diritto cure, protesta dei sindacati alla Regione: in 2mila al sit in

 
Serie B
Il Foggia ha scelto: via Grassadonia

Il Foggia ha scelto: via Grassadonia

 
Il siderurgico
Borracino: «La Regione con Mittal se decide di decarbonizzare»

Emiliano: «La Regione con Mittal se decide di decarbonizzare»

 
Il rimborso
Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

 
Nella filiale Banca di Puglia e Basilicata
Lecce, evade dai domiciliari e rapina una banca con un taglierino: arrestato

Lecce, evade dai domiciliari e rapina una banca con un taglierino: arrestato

 
La mobilitazione
Puglia, prosegue la protesta degli agricoltori con i «gilet arancioni»

Puglia, prosegue la protesta degli agricoltori con i «gilet arancioni»

 
SERIE D
Bari-Troina: segui la diretta

Il Bari batte il Troina al San Nicola 1-0 e resta primo Rivedi la diretta

 
Il gesto estremo
Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

 

Bari, ai domiciliari fratelli De Gennaro Sequestrati 25 mln I nomi dei 7 arrestati Lo scandalo appalti 

BARI - La Guardia di finanza ha notificato sette ordinanze di custodia cautelare ad altrettanti imprenditori, professionisti e dirigenti comunali di Bari più un'altra decina di misure preventive, in gran parte sequestri. L'inchiesta è quella che la procura di Bari conduce da oltre quattro anni sui parcheggi interrati del capoluogo pugliese, in particolare su quelli di piazza Cesare Battiti (nella foto) e di piazza Giulio Cesare. Tra gli arrestati (tutti ai domiciliari) anche i fratelli Daniele e Gerardo De Gennaro, titolari del gruppo Dec, una delle più importanti società di costruzioni del capoluogo pugliese. Archiviate tutte le accuse contro ex vice-sindaco di Bari Emanuele Martinelli. Sequestrati beni per 25 milioni di euro. E nel pomeriggio la notizia del segretario regionale del Pd, Blasi secondo il quale «Gerardo De Gennaro, consigliere regionale si è sospeso dal gruppo consiliare e dal partito»
• Gruppo Degennaro: «Fiducia nella magistratura»
• Le accuse: sei appalti vinti illecitamente
• Le indagini avviate dopo un'alluvione
• Una inchiesta che parte da lontano
• Il sindaco Emiliano: gli innocenti abbiano fiducia
• Pdl pugliese: «Il sindaco Emiliano non sapeva?»
Bari, ai domiciliari fratelli De Gennaro Sequestrati 25 mln I nomi dei 7 arrestati Lo scandalo appalti 
BARI  - Quattro anni dopo il primo esposto, esplode a Bari con sette arresti eccellenti lo scandalo dei parcheggi sotterranei. Dalle prime luci dell’alba la Guardia di finanza ha iniziato a notificare sette ordinanze di custodia cautelare a imprenditori, professionisti e dirigenti del comune di Bari. Tutti gli indagati sono agli arresti domiciliari. 

Nei sette provvedimenti restrittivi vengono contestati i reati di corruzione, frode e numerosissimi falsi, contenuti in circa venti pagine. Il gip Michele Parisi ha invece respinto la richiesta di arresto per il reato, contestata dai pm Renato Nitti e Francesca Romana Pirrelli, di associazione per delinquere. 
Sempre il gip ha disposto l'archiviazione di tutte le accuse contro l'ex vice-sindaco di Bari, Emanuele Martinelli, già indagato negli anni passati.

Tra gli arrestati spicca il nome dei fratelli Daniele e Gerardo De Gennaro, proprietari del gruppo Dec, una delle più importanti società di costruzioni del capoluogo pugliese impegnata in molti dei più grossi cantieri aperti negli ultimi anni in città. Inclusi i due parcheggi sotterranei di piazza Cesare Battisti e piazza Giulio Cesare, finiti dal 2008 nel mirino della procura di Bari e i cui lavori sarebbero alla base di questa raffica di arresti.
L’accusa per i titolari della Dec sarebbe quella di aver ottenuto agevolazioni e linee preferenziali da parte dei tecnici del comune di Bari. 

Gerardo De Gennaro è anche consigliere regionale del Pd, ma il suo arresto non avrebbe nulla a che fare con l’attività amministrativa svolta per la Regione.

Tra gli arrestati, sempre ai domiciliari, anche il capo dell’ufficio urbanistica del comune del capoluogo pugliese Anna Maria Curcuruto, già coinvolta e poi assolta nel 2007 per una lottizzazione in via Camillo Rosalba, quando era direttore del settore Concessioni edilizie e condono del Comune di Bari. Ai domiciliari anche l'ex dirigente dell'ufficio tecnico del Comune, Vito Nitti, due progettisti e un dirigente regionale, Gerardo Russo. I due progettisti sono Raffaele Contessa e Michele Corona.

Oltre agli arresti la Guarda di Finanza sta notificando un'altra decina di misure preventive in gran parte sequestri, tra questi quello di una importante struttura sportiva a Poggiofranco. Il valore dei beni mobili ed immobili posti sotto sequestro ammonterebbe a circa 25 milioni di euro.

Il consigliere Gerardo De Gennaro «per tutelare l’immagine del Partito democratico», si spiega in una nota, «ha già ufficializzato la sua sospensione sia dal partito sia dal suo gruppo consiliare».

PD, DE GENNARO SI E' SOSPESO
Il segretario regionale pugliese e il capogruppo consiliare del Pd alla Regione Puglia, Sergio Blasi e Antonio Decaro, in una nota congiunta “esprimono piena fiducia nel lavoro della magistratura e auspicano che il consigliere Degennaro possa dimostrare la sua totale estraneità rispetto ai fatti che gli vengono contestati”. “Dalle notizie emerse – aggiungono – appare evidente che l'indagine non riguardi l’attività politica e istituzionale del consigliere Degennaro il quale, per tutelare l’immagine del Partito democratico, ha già ufficializzato la sua sospensione sia dal partito sia dal suo gruppo consiliare”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400