Venerdì 20 Settembre 2019 | 03:07

NEWS DALLA SEZIONE

Gli allenamenti
Lecce-Napoli, differenziato per Meccariello e Dell'Orco

Lecce-Napoli, differenziato per Meccariello e Dell'Orco

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
Le dichiarazioni
Emiliano: «Felice per candidatura Elena Gentile alle primarie del centrosinistra»

Emiliano: «Felice per candidatura Elena Gentile alle primarie del centrosinistra»

 
Nel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
ambiente
Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

Taranto, incendio in impianto autodemolizioni: colonna di fumo nero

 
L'allarme
Xylella, vertice a Roma. Bellanova: «Accelerare investimenti per rilancio»

Xylella, vertice a Roma, Bellanova: «Accelerare investimenti per rilancio»

 
trasporti
Bari - Milano, presentato nuovo treno Frecciagento, cresce il comfort sulla linea Adriatica

Bari - Milano, presentato nuovo treno Frecciagento, cresce il comfort sulla linea Adriatica

 
Nel tarantino
Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

Massafra, nigeriano si denuda in strada e sputa contro le auto di passaggio: arrestato

 
L'accordo
Polis Avvocati, ecco l'alleanza per lo sviluppo territoriale: parla il penalista Laforgia

Polis Avvocati, ecco l'alleanza per lo sviluppo territoriale: parla il penalista Laforgia

 
Tentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Virus «killer» uccide le cernie nel Salento

di MAURO CIARDO
LECCE - La conferma è arrivata dall’esito delle analisi effettuate nei laboratori specializzati di Padova: la morìa di cernie nei mari del Salento è colpa di un virus che causa nei pesci un’encefalo-retinopatia. I campioni inviati in Veneto dalla Asl di Lecce per le analisi riguardavano cernie trovate a Leuca e a Gallipoli. «Nessun pericolo per l’uomo - rassicurano gli esperti - ma è consigliabile non consumare esemplari pescati in agonia»
• L'ittiologo: «Allevamenti sicuri evitare allarmismi»
• Sotto accusa le alte temperature
Virus «killer» uccide le cernie nel Salento
di MAURO CIARDO

SANTA MARIA DI LEUCA. «Encefalopatia virale tra le cernie di Leuca e Gallipoli». I risultati dall’Istituto zooprofilattico di Padova sono arrivati venerdì e non lasciano dubbi sulla patologia che ha colpito diversi esemplari di cernia bruna e cernia dorata. Negli ultimi tempi si sono susseguiti gli avvistamenti di esemplari che nuotavano con difficoltà fino ad affiorare sulla superficie dell’acqua, diventando facile preda dei pescatori. Tra Leuca e Gallipoli sono stati prelevati quattro esemplari ancora vivi e in tutti è stato riscontrato il Vnn («Viral nervous necrosis») che ha causato un’encefalo-retinopatia virale. Altri quattro campioni estratti da altrettanti pesci partiranno domani mattina alla volta del Veneto, perché la Asl di Lecce sta monitorando tutto il litorale salentino e le ricerche si stanno spingendo anche negli specchi d’acqua del Brindisino. 

La prima segnalazione sullo strano comportamento di alcuni esemplari di «Epinephelus marginatus» e di «Epinephelus alexandrinus» era arrivata una decina di giorni fa dal sub professionista Gianluca Cassano che, immerso nelle acque davanti a Punta Meliso di Leuca, aveva notato una cernia galleggiare a pelo d’acqua e nuotare disorientata, come fosse cieca. Immediatamente sono stati informati i responsabili del servizio veterinario del Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria salentina, diretto dal dottor Corrado De Notar pietro, e sul posto è intervenuto il veterinario ittiopatologo Pierpaolo Patarnello, che collabora sia con il centro di riferimento nazionale, cioè l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie di Legnaro (Padova), che con il laboratorio di biologia marina dell’Università del Salento, coordinato dal professor Antonio Terlizzi. 

«Già dalle prime analisi - conferma Patarnello - avevo espresso il forte sospetto che gli esemplari fossero affetti da questo tipo di malattia, quindi ho inviato i campioni al centro specializzato di Padova. Con la collaborazione di pescatori e subacquei professionisti siamo riusciti ad esaminare diversi esemplari e sottoporli ad analisi virologiche. Purtroppo - prosegue - è arrivata la conferma che si tratta effettivamente di Vnn per tutti i campioni inviati e gli episodi sembrano continuare sia nella zona di Leuca che in quella a nord di Gallipoli». 
Gli esperti puntano subito a dissipare eventuali fobie dei consumatori ma invitano comunque a qualche precauzione. «Chiariamo subito che non si tratta di una zoonosi, cioè una di quelle malattie che gli animali possono trasmettere all’uomo, ma di una patologia che riguarda solo i pesci - rassicura Patarnello - non per questo il fenomeno è da considerarsi meno grave, visto che interessa una delle specie più importanti e delicate del nostro patrimonio ittico. Il consumo delle carni di questi esemplari non è pericoloso se il pesce è appena affiorato e non presenta lesioni – ci tiene a sottolineare –ma è generalmente consigliabile evitare di mangiare pesci catturati mentre sono in difficoltà o comunque affetti da fenomeni patologici». Anche in quest’ultimo caso, tuttavia, non ci sarebbero comunque rischi se il pesce fosse consumato cotto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie