Lunedì 10 Dicembre 2018 | 08:20

NEWS DALLA SEZIONE

A Japigia
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Basket
Happy Casa Brindisi perde in casa con Reggio Emilia 67-75

Happy Casa Brindisi perde in casa con Reggio Emilia 67-75

 
Sconfitto 3-1
Foggia schiacciato dal Livorno, tifosi contestano squadra

Foggia schiacciato dal Livorno, tifosi contestano squadra

 
Dalla Polizia
Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

Cerignola, maltrattava bambini a scuola: arrestato maestro 60enne

 
L'annuncio
Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

 
Ha vinto 3-0
Portici - Bari: segui la diretta

Bari «espugna» anche Portici e resta in vetta a quota 36 La diretta

 
Stalking
Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

 
Da Gioia del Colle a Oberursel
Mozzarelle gioiesi a Francoforte: al via l’esportazione

Mozzarelle gioiesi a Francoforte: al via l’esportazione

 
L'inaugurazione il 30 dicembre
Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

 
Dopo la separazione
Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

Fasano, picchia la moglie davanti al figlio 17enne: arrestato

 

Monte Sant’Angelo città patrimonio dell’Unesco Terza «perla» pugliese

MONTE S. ANGELO - Da culla della mafia garganica a patrimonio mondiale dell’Unesco. L’atteso responso per Monte S. Angelo è arrivato ieri sera, a tarda ora, dal Comitato dell’Unesco riunito a Parigi che ha deliberato l’istituzione di sei nuovi siti italiani, tra cui la cittadina garganica con il suo santuario dedicato a San Michele. Da ieri, quindi, la Puglia ha il terzo sito Unesco dopo Alberobello e Castel del monte
• Vendola: grande gioia per questo riconoscimento
• Quagliariello: «Puglia culla della cultura»
• L'orgoglio della Provincia di Foggia
Monte Sant’Angelo città patrimonio dell’Unesco Terza «perla» pugliese
MONTE S. ANGELO - Da culla della mafia garganica a patrimonio mondiale dell’Unesco. L’atteso responso per Monte S. Angelo è arrivato ieri sera, a tarda ora, dal Comitato dell’Unesco riunito a Parigi che ha deliberato l’istituzione di sei nuovi siti italiani, tra cui la cittadina garganica con il suo santuario dedicato a San Michele. Da ieri, quindi, la Puglia ha il terzo sito Unesco dopo Alberobello e Castel del monte. 

Il comitato francese, riunito dal 19 giugno, ha inserito nel suo almanacco anche i nuovi siti di Spoleto, Benevento, Campello, Castelseprio e Cividale del Friuli. La notizia, d’oltralpe, arriva dal prof. Giorgio Otranto, direttore del centro studi Micaelici e garganici che ha sede a Monte S. Angelo e che rappresenta una sede distaccata del dipartimento di studi classici e cristiani dell’Università di Bari, allo studio da decenni il santuario.
«Hanno appena deciso - riferisce entusiasta al telefono il prof. Otranto - e Monte S. Angelo finalmente è patrimonio mondiale dell’umanità». Un risultato atteso con grande entusiasmo dai cittadini di Monte S. Angelo che nei giorni scorsi avevano visto aggirarsi tra le strade del centro garganico gli ispettori Unesco per gli ultimi sopralluoghi sul riconoscimento del sito in chiave turistico-culturale per la riscoperto delle tracce del passato longobardo presenti in città. Il traguardo conferisce alla Montagna del Sole, una veste internazionale anche sul fronte turistico. 

Si chiude così un percorso iniziato tre anni fa quando il cosiddetto «sito seriale» (ovvero un percorso storico-culturale che si articola su più località) venne ufficialmente candidato dal Governo italiano attraverso il ministero dei Beni culturali per l'iscrizione nella lista del patrimonio Mondiale dell'Unesco. Il 18 gennaio scorso la candidatura venne presentata a Parigi e risultò tra le prime 9 candidature mondiali presentate. La documentazione-prodotta dal gruppo di lavoro attivato da Comuni, Regioni, Province e altre realtà istituzionali e associative in cui sorgono i beni candidati (oltre a Spoleto Cividale del Friuli, Brescia, Castelseprio, Campello sul Clitunno, Benevento, Monte Sant’Angelo) consiste di 5 volumi (dossier scientifico, piano di gestione obbligatorio e un executive summary) per un totale di 1500 pagine. La sede dell’associazione Italia Langobardorum è a Spoleto, dove è stato predisposto tutto il materiale della candidatura. [n. p.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400