Domenica 16 Giugno 2019 | 20:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Cavallino, ragazze travolte da auto pirata: una 22enne è in comaE a Putignano investiti 3 ciclisti

Cavallino, due ragazze in scooter travolte da auto pirata: 22enne in coma
E a Putignano investiti 3 ciclisti Vd

 
L'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
Il concorso
Eletta a Gallipoli Miss Mondo Italia 2019: è Adele Sammartino

Eletta a Gallipoli Miss Mondo Italia 2019: il suo nome è Adele Sammartino

 
Sport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

 
Dopo la demolizione
Bari, Punta Perotti suoli da restituire «Lì è un abuso il parco pubblico»

Bari, Punta Perotti suoli da restituire «Lì è un abuso il parco pubblico»

 
Lieto evento
Torre Quetta, si schiudono le uova di fratini: ecco i 6 "cuccioli"

Torre Quetta, si schiudono le uova di fratini: ecco i 6 "cuccioli"

 
Amara sorpresa
Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio cotto

Francavilla, morde la focaccia e ci trova dentro uno scarafaggio

 
Tecnologia
Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

 
Sul tratto Bari-Putignano
Fse, lavori sulle rete ferroviaria da domani chiuse 8 stazioni

Ferrovie Sud Est, lavori sulle rete ferroviaria: da domani chiuse 8 stazioni

 
La tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente
Cavallino, ragazze travolte da auto pirata: una 22enne è in comaE a Putignano investiti 3 ciclisti

Cavallino, due ragazze in scooter travolte da auto pirata: 22enne in coma
E a Putignano investiti 3 ciclisti Vd

 
BariIncidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 
TarantoL'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
HomeSport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

 
MateraL'annuncio dell'ANAS
Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

 
PotenzaLa richiesta
S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

 
FoggiaL'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 

i più letti

L'inchiesta a Lecce incrocia l'affare filobus Poli Bortone: non c'entro 

di LINDA CAPPELLO
LECCE - Fra le aziende interessate alle perquisizioni eseguite dai militari della Guardia di Fiananza in tutta Italia ci sono anche quelle interessate alla realizzazione del filobus. È questo, in ordine di tempo, l’ultimo clamoroso colpo di scena nell’ambito dell’inchiesta top secret, condotta in prima persona dal procuratore capo Cataldo Motta, che ha portato i finanzieri a perquisire l’abitazione del professor Massimo Buonerba, unico leccese nel registro degli indagati. Intanto, la senatrice Adriana Poli Bortone sfodera tranquillità: «Questa vicenda non ha nulla a che fare con l’operato della mia amministrazione», afferma convita.
• L'intervista: «Non mi sento chiamata in causa»
L'inchiesta a Lecce incrocia l'affare filobus Poli Bortone: non c'entro 
di LINDA CAPPELLO

Nell'inchiesta top secret spunta il filobus. Già, proprio l'opera costata ben 22 milioni di euro che ha riempito Lecce di pali e fili senza mai entrare in funzione. Una vicenda che tiene banco da anni e che adesso viene tirata in ballo nell'ambito di quella che si preannuncia come un'indagine dai risvolti eclatanti. Perchè questo ci si aspetta, vista la coltre di riservatezza che ammanta la vicenda.

All'indomani della notizia dell'inchiesta che vede coinvolto Massimo Buonerba, l'ex consulente legale dell'allora sindaco Adriana Poli Bortone, spunta un altro dettaglio clamoroso. I militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza hanno bussato alle porte di diverse aziende sparse per l'Italia, tutte interessate al progetto del filobus.

Non solo Lecce, dunque, ma anche Milano. Fra le tante perquisizioni, una è stata effettuata a carico di un professionista di Perugia. I bene informati sostengono che i finanzieri abbiano fatto tappa anche ad Arezzo. Probabilmente, qualche «visita» da parte degli investigatori è stata compiuta anche nella capitale.

Ma come entra il filobus nell'inchiesta? Che relazione c'è - se c'è - fra il progetto della metropolitana di superficie e la trasferta del procuratore capo Cataldo Motta e dell'aggiunto Antonio De Donno nella lontana Lugano? Sono queste, adesso, le domande che attendono risposte. E' lecito chiedersi se le movimentazioni di denaro sospette, che sono al vaglio della Procura di Lecce, possano interessare progetti urbanistici di grossa portata. Vicende, appunto, come il filobus. O anche, come quella dei palazzi di via Brenta.

Sono queste le due questioni «collaterali» all'inchiesta. Un fascicolo, si è detto, che è stato aperto a fine 2010. Proprio quando da Lugano è partita una rogatoria internazionale per una verifica su un conto corrente. Un deposito che ha portato la magistratura elvetica a scendere fino a Lecce. E chissà che le autorità svizzere non abbiano scoperchiato una sorta di vaso di Pandora. Qualcosa di talmente importante da spingere i vertici della procura leccese a salire sull'aereo e valicare i confini nazionali per avere contezza dei fatti. L'ipotesi paventata in questa prima fase è quella di riciclaggio, alla quale però potrebbero ben presto affiancarsi altri capi d'imputazione. Ad esempio, quello di corruzione. Accusa, questa, che non sarebbe stata ancora formalizzata ,e che sembra essere nell’aria.

A quanto se ne sa, unico leccese finito nel registro degli indagati è proprio Buonerba. Sconosciuto, al momento, il reato che gli viene contestato. E' possibile - ma siamo sempre nel campo delle ipotesi - che gli altri soggetti finiti nel mirino della procura siano i legali rappresentanti delle società italiane interessate alle perquisizioni.

La novità di oggi, si è detto, è che l'inchiesta sia in qualche modo agganciata alla vicenda del filobus. Ma non solo a quella. Nel corso della perquisizione di mercoledì mattina effettuata dai finanzieri nell'abitazione di Buonerba, sono state acquisite alcune consulenze agli atti del processo di via Brenta. Documentazione, si precisa, già nota perchè contenuta nel fascicolo del dibattimento. Anche questo, un affare da milioni di euro. Vicende a sei zeri, dunque, conti correnti all'estero, ed un indagato illustre all'epoca in auge a Palazzo Carafa. Sono questi, dunque, gli «ingredienti» della scottante inchiesta. Ma qual è il nesso? Qual è il filo conduttore che stanno seguendo gli investigatori? In procura sono ore di grande fermento. Proprio ieri mattina, al secondo piano, c'è stato un breve summit tra il procuratore Motta e gli investigatori che lo hanno accompagnato a Lugano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE