Sabato 25 Settembre 2021 | 05:22

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Finanziaria: fiducia giovedì

L'aula del Senato voterà giovedì prossimo la fiducia. Tra i punti salienti del maxiemendamento che sostituisce integralmente la Finanziaria: le Regioni potranno tornare ad aumentare le addizionali regionali Irpef e Irap; verranno assunti 2.724 carabinieri e poliziotti; saranno stanziati 95 milioni per l'editoria
Ecco i punti salienti del maxiemendamento che sostituisce integralmente la Finanziaria. Il testo è articolato in 593 commi e fissa in 50 miliardi di euro il saldo netto da finanziare.

SBLOCCATE ADDIZIONALI REGIONI IRPEF E IRAP
Le Regioni possono tornare ad usare la leva fiscale. Nel maxiemendamento alla Finanziaria è previsto che ai fini del rispetto dell'equilibrio economico e finanziario e per il ripianamento del disavanzo della gestione sanitaria relativa all'esercizio 2004, le Regioni possono decidere di aumentare le addizionali regionali Irpef e l'Irap.
OK ASSUNZIONE 2.724 CARABINERI E POLIZIOTTI. POTENZIATI FONDI ANTI-TERRORISMO E PER RISCHI NON CONVENZIONALI
L' assunzione di 1.324 agenti di Polizia e di 1.400 carabinieri per un incremento complessivo del personale di 2.724 unità da realizzare entro la fine del 2006. E' quanto prevede uno dei commi del maxi emendamento del governo sul quale è stata posta la Fiducia. La norma fa parte di un «pacchetto sicurezza» che prevede l' assunzione di forze polizia, dagli ausiliari (1.500 posti) e dai volontari di truppa delle Forze armate (1.224). Le norme prevedono anche il potenziamento del sistema di difesa contro i rischi non convenzionali e un incremento degli stanziamenti per esigenze straordinarie anti-terrorismo.
EDITORIA, AGEVOLAZIONI FISCALI PER 95 MILIONI
Arrivano i 95 milioni per l'editoria promessi dal governo. I fondi sono infatti inseriti nel maxi-emendamento alla Finanziaria depositato al Senato.
La norma stabilisce la prosecuzione delle agevolazioni fiscali per le imprese editrici anche per il 2005, nel limite massimo, appunto, di 95 milioni. Gli effetti finanziari in termini di cassa, sottolinea la relazione tecnica, vengono colti nel successivo 2006.
STANGATA SU BOLLI, IMPOSTE DI REGISTRO E INCASSI PER 1.120 MLN
Stangata di 1.120 milioni di euro, che salgono a 1.320 dal 2007; si tratta di un aumento di bolli, imposte di registro, tasse di concessione governative, imposte ipotecarie e catastali.
E' quanto prevede il maxi-emendamento depositato in Senato su cui il governo ha posto la fiducia. La norma era già prevista tra quelle presentate nel precedente emendamento, che aveva inserito il taglio delle aliquote Irpef. Ma in quella versione, poi approvata dalla commissione Bilancio, l'aumento di bolli e imposte indirette ammontava a 570 milioni. Ora la cifra è praticamente raddoppiata nel 2005 e 2006.
ARRIVA CONDONO PER MANIFESTI ELETTORALI. BASTERA' VERSARE 100 EURO; RESPONSABILE SOLO CHI ATTACCA
Arriva il condono per le affissioni elettorali. E costa 100 euro. Il maxiemendamento depositato dal governo prevede infatti che le violazioni commesse fino all'entrata in vigore della Finanziaria mediante affissioni di manifesti politici «possono essere definite in qualunque ordine di grado e giudizio (...) mediante il versamento, a carico del committente responsabile, di una imposta pari, per il complesso delle violazioni commesse e ripetute, a 100 euro per anno e per provincia». Inoltre il responsabile è individuato in colui che materialmente affigge i manifesti «non sussiste - infatti - responsabilità solidale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie