Venerdì 24 Settembre 2021 | 07:14

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Iraq - Fossa comune con 500 cadaveri

Le vittime risalgono alla fine degli anni '80, furono uccise da Saddam con gas asfissianti, si tratterebbe di abitanti del Kurdistan. Sino ad ora contati più di 35mila morti tra la popolazione curda che si ribellò al rais
• Un'inchiesta contro soldati britannici che torturarono iracheni
BAGHDAD - Gli investigatori hanno scoperto una nuova fossa comune in Iraq che potrebbe contenere 500 cadaveri. Lo ha annunciato il premier Iyad Allawi precisando che la fossa si trova presso Sulaimaniya, nel Kurdistan iracheno.
Verso la fine degli anni '80 Saddam Hussein lanciò un'offensiva contro le tribù ribelli del Kurdistan. Nel 1988 centinaia di abitanti del villaggio di Halabja furono sterminati con l'uso di gas asfissianti.
Le prove acquisite con le fosse comuni saranno fondamentali elementi di accusa nel processo contro l'ex dittatore iracheno, in carcere da poco più di un anno ed accusato di diversi reati fra cui genocidio e crimini contro l'umanità. Lo scorso ottobre il ministero per i diritti umani di Baghdad ha annunciato che sono state scoperte oltre 300 fosse comuni con i resti di 35.000 persone e che si ritiene che molte altre potranno essere trovate in seguito, quando le migliorate condizioni di sicurezza del paese consentiranno ricerche sistematiche. La documentazione fotografica al riguardo verrà portata come prova anche nei processi che saranno istruiti contro i collaboratori di Saddam Hussein.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie