Domenica 19 Settembre 2021 | 05:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'amministrazione Bush spia l'Aiea

Sarebbe in possesso di telefonate fra elBaradei e i diplomatici iraniani e proverebbero la mancanza di imparzialità del segretario generale dell'agenzia atomica
L'amministrazione Bush spia l'Aiea
ROMA - L'amministrazione Bush ha «decine di intercettazioni di telefonate» di Mohammed elBaradei con diplomatici iraniani, che sta studiando alla ricerca di elementi per farlo fuori dalla guida dell'Agenzia per l'energia atomica (Aiea). Lo scrive oggi il «Washington Post» nella sua edizione online, citando fonti governative Usa.
Il quotidiano sottolinea tuttavia che l'amministrazione Usa non ha trovato un candidato che voglia sostituire elBaradei, alla guida dell'Aiea dal 1997 e al secondo mandato. Inoltre, non c'è sintonia al dipartimento di Stato su quanto sia il caso di spingersi in questa offensiva diplomatica, con il sottosegretario di stato per il controllo degli armamenti John Bolton in veste di «falco» e il segretario di stato uscente Colin Powell che si limita a fare riferimento a una regola adottata anni fa, e non sempre seguita, che parla di non più di due mandati.
Le intercettazioni telefoniche, scrive il W.P., «non hanno fornito alcuna prova di comportamento nefasto da parte di elBaradei», ma c'è chi pensa nell'amministrazione Usa che dimostrino la mancanza di imparzialità del segretario generale perché ha cercato di aiutare l'Iran a navigare nella crisi sui suoi programmi nucleari. Per altri invece si tratta solo di normale diplomazia telefonica.
Al quartier generale di Vienna funzionari hanno detto di non essere sorpresi dalla faccenda delle intercettazioni. «Abbiamo sempre dato per scontato che queste cose succedono», ha detto il portavoce dell'Aiea Mark Gwozdecky.
Non è la prima volta, sottolinea il quotidiano, che c'è tensione tra l'Aiea, che per il suo ruolo di controllo della sicurezza nucleare nel mondo ha svolto e svolge indagini chiave sulle crisi con paesi dell'Asse del male di George Bush, e l'Amministrazione Usa.
La National security agency, responsabile della raccolta e decodifica delle comunicazioni elettroniche per il governo americano, ha detto di non avere informazioni su intercettazioni di elBaradei, la Cia si è rifiutata di commentare.
ElBaradei, diplomatico egiziano, 62 anni, gode di grande rispetto nell'Onu e molti dei paesi che fanno parte del Board dell'Aiea gli hanno chiesto di restare per un terzo mandato, a partire dalla prossima estate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie