Sabato 18 Settembre 2021 | 18:31

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Camorra - Ucciso il fratello del boss Alfieri

Lo storico capo clan diventato collaboratore di giustizia - In due anni uccisi figlio e fratello - 4 anni fa un avvertimento - Protagonista della guerra di camorra
NAPOLI - Francesco Alfieri, 54 anni, fratello dello storico capo clan Carmine Alfieri, poi diventato collaboratore di giustizia, è stato ucciso in un agguato in via Castellammare a Piazzolla di Nola, in provincia di Napoli.
L'uomo, secondo le prime notizie raccolte dai carabinieri che sono sul posto, si trovava all'interno di una Toyota Aris quando è stato raggiunto da colpi d'arma da fuoco. I militari stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica dell'agguato.
Intanto i carabinieri hanno avviato una vasta battuta nel territorio nolano alla ricerca dei killer di Francesco Alfieri, il fratello del boss Carmine. Controlli e perquisizioni a casa di pregiudicati sono attualmente in corso.
Le indagini vengono coordinate da un magistrato della Dda. Ad operare sul posto ci sono i carabinieri della compagnia di Nola e del Nucleo operativo territoriale di Castello di Cisterna con la sezione Investigazioni scientifiche. Si cerca in primo luogo di chiarire la dinamica dell'agguato e di accertare il ruolo di Francesco Alfieri in eventuali lotte per il controllo di affari illeciti sul territorio.
Attualmente, nell'area Nolana si fronteggiano due cartelli di clan. Da un lato i Russo-Capasso, dall'altro i Nino-Pianese.

Francesco Alfieri si trovava fermo in automobile nei pressi di un bar, vicino ad un incrocio di via Castellammare. Forse stava per scendere dalla vettura, una Toyota Aris, per recarsi nel locale o forse ne era appena uscito e stava per andare via.
L'uomo è stato avvicinato da due sicari giunti a bordo di un motorino. E' stato raggiunto da numerosi colpi di pistola dagli assassini che poi sono andati via. Prima hanno continuato per alcuni metri a bordo dello stesso motorino con il quale erano arrivati. Poi, hanno minacciato un uomo alla guida di un'autovettura e si sono fatti consegnare la vettura con la quale si sono allontanati facendo perdere le loro tracce.
Sul posto ci sono numerosi uomini delle forze dell'ordine e vigili urbani. La zona è stata transennata e chiusa al traffico.
I carabinieri non si sbilanciano ancora sul movente dell'omicidio che potrebbe essere stato un delitto trasversale contro il boss della camorra, Carmine Alfieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie