Giovedì 16 Settembre 2021 | 17:33

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Napoli - Arrestato presunto killer

Pietro Esposito, ritenuto affiliato al clan Di Lauro, sarebbe uno degli assassini della 22enne Gelsomina Verde • Omicidio Albino - In manette Giovanni Molitierno
Una foto del 22 novembre scorso mostra la rimozione del cadavere di Gelsomina Verde NAPOLI - Uno dei presunti killer della giovane Gelsomina Verde, la 22enne uccisa nella notte tra domenica e lunedì, è stato arrestato dai carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, su provvedimento della Direzione Distrettuale Antimafia. E' Pietro Esposito, di 38 anni, ritenuto affiliato al clan Di Lauro. E' stato bloccato la scorsa notte dai militari in una abitazione in via Parescandolo, nel quartiere Secondigliano. Esposito non ha opposto resistenza ai carabinieri che lo hanno bloccato nel nascondiglio all'interno di un caseggiato di via Parescandolo, nel quartiere di Secondigliano. Subito dopo la cattura, l'uomo è stato portato al comando provinciale dei carabinieri, dove è stato interrogato dai militari e dal pm Corona, che ha disposto il fermo per concorso in omicidio. I carabinieri stanno ora lavorando per l'identificazione degli altri presunti componenti del commando.
Gelsomina Verde sarebbe stata eliminata (i killer la uccisero con un colpo di pistola alla testa, poi diedero fuoco al corpo, che fu trovato in un'auto) per la sua amicizia con un giovane considerato appartenente agli scissionisti del clan Di Lauro. E' proprio lo scontro in atto nella cosca di Secondigliano ad aver provocato la spirale di omicidi degli ultimi giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie