Domenica 19 Settembre 2021 | 22:54

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Medicina - Anche cellule adulte sanno cambiare identità come le staminali

A scoprire il fenomeno, osservandolo per la prima volta al mondo negli animali, in una condizione fisiologica come l'allattamento, è stato il gruppo di ricerca dell'università di Ancona, coordinato da Saverio Cinti
ROMA - Le cellule adulte possono trasformarsi radicalmente e cambiare identità proprio come fanno le cellule staminali. A scoprire il fenomeno, osservandolo per la prima volta al mondo negli animali, in una condizione fisiologica come l'allattamento, è stato il gruppo di ricerca dell'università di Ancona, coordinato da Saverio Cinti.
«Abbiamo osservato che la cellula adiposa matura può trasformarsi in un'altra cellula matura, completamente diversa, che svolge un'altra funzione, come la cellula epiteliale», ha osservato Cinti.

La scoperta, pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, PNAS, ha un valore paragonabile alle prime osservazioni della capacità di riprogrammarsi e trasformarsi propria delle cellule staminali. A differenza di quanto si è osservato finora nelle staminali, che azzerano il loro programma genetico iniziale per assumerne un altro, le cellule adulte cambiano identità direttamente, senza nessun passaggio intermedio.

Quello osservato da Cinti è un fenomeno di biologia nuovo, finora mai osservato in condizioni fisiologiche. «Adesso - ha detto - si può guardare alla biologia dei tessuti in un modo completamente nuovo, fino a ieri impossibile».
Se una cellula adulta riesce a cambiare identità, ha aggiunto, significa che «è possibile modificare i tessuti adulti come si vuole». Si apre un ambito di ricerca che ha molti punti in comune con lo studio delle cellule staminali, ma che potrebbe anche rappresentare una via più diretta per ottenere nuovi tessuti a partire da cellule adulte prelevate dall'organismo dello stesso paziente.

E' la prima volta che su cellule adulte sane viene osservato un processo di trasformazione di questo tipo, capace di fare di una cellula matura specializzata una cellula altrettanto matura e con una specializzazione completamente diversa. «E' una trasformazione che avviene tra cellule molto lontane fra loro per forma, per funzione e derivazione embriologica», ha osservato Cinti.
Ad innescare questo processo di trasformazione possono essere particolari esigenze dell'organismo: durante l'allattamento, per esempio, è necessario che ci sia più tessuto delle ghiandole mammaria che tessuto adiposo, ed ecco che quest'ultimo cambia identità. Cessata l'emergenza, tutto può tornare come prima. Vale a dire che le cellule che si sono trasformate possono percorrere la strada inversa: da tessuto epiteliale delle ghiandole mammarie tornano ad essere cellule adipose. «La trasformazione - ha detto Cinti - avviene in tutti e due i sensi: è un fenomeno reversibile».
I ricercatori stanno adesso identificando tutti i fattori che spingono una cellula adulta a cambiare identità. «Stiamo lavorando per ricostruire un quadro molecolare completo del fenomeno», ha rilevato. Molto probabilmente svolgono un ruolo molto importante gli ormoni della gravidanza e dell'allattamento, «ma ora - ha concluso - puntiamo a capire se ci sono altre molecole che intervengono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie