Domenica 19 Settembre 2021 | 03:56

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Berlusconi: «taglio alle tasse o si va a elezioni»

Forza Italia sarebbe pronta «a nuove elezioni senza supportarsi con alcuni alleati che non vedono nella riduzione delle tasse una manovra economica necessaria», ha detto il presidente del Consiglio, sottolineando che è pronto maxi-emendamento governo su fisco. La Russa ribatte sul maxi-emendamento
• Fini: «Non ci saranno elezioni anticipate»
• Al processo Sme l'avvocato di Palazzo Chigi chiede la condanna del premier
BRATISLAVA - Forza Italia sarebbe pronta «a elezioni senza supportarsi con alcuni alleati che non vedono nella riduzione delle tasse una manovra economica necessaria». Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a Bratislava, dopo aver ribadito l'assoluta impossibilità di un Berlusconi-bis.
«Per quanto riguarda Forza Italia ci sarebbe sicuramente una domanda di nuove elezioni». Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi risponde a chi gli chiede se mancare l'obiettivo della riduzione delle aliquote Irpef potrebbe mettere in discussione la stessa esistenza del governo.

PRONTO MAXI-EMENDAMENTO GOVERNO SU FISCO
«Assolutamente sì. Il governo presenterà la prossima settimana al Parlamento un maxiemendamento alla finanziaria dentro il quale ci sarà la riduzione delle aliquote dal primo gennaio 2005, ottenuta attraverso la riduzione dei costi». Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi rispondendo a chi gli chiedeva se c'è la possibilità concreta di ridurre le tasse.
«E' una intenzione che non ho quella di fare una riduzione delle tasse sforando il tetto del 3% imposto da Maastricht». Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a proposito del progetto del governo per il taglio dell'Irpef. Il premier ha aggiunto: «Non vogliamo fare una riduzione delle tasse non coperta da una riduzione di spesa».

TORNATO A IRPEF NEL 2005 PERCHE' INCOMPRESO
«Avevo pensato che si poteva anticipare il taglio dell'Irap e poi posticipare l'Irpef nel 2006, e avevo pensato che gli italiani capissero che non era un venir meno al programma, ma semplicemente una diversa rimodulazione del programma. Così non è stato recepito nemmeno da quei giornali che normalmente non sono critici verso il governo».

LA RUSSA, NON MI RISULTA
«Non mi risulta che ci sia un testo collegialmente approvato. Può darsi che abbiano già predisposto un testo gli amici di Forza Italia». Così Ignazio La Russa a margine della direzione di An a Roma risponde alle domande dei cronisti che chiedevano un commento alle dichiarazioni del Premier. «An, tanto quanto Forza Italia mira ad ottenere la riduzione dell'Irap ma anche quella dell'Irpef. Il problema è trovare gli strumenti i modi e le risorse necessarie. Ma non c'è dubbio che strategicamente siamo esattamente nella posizione di Berlusconi», aggiunge La Russa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie