Domenica 19 Settembre 2021 | 18:57

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Accordo Basilicata-Total per il petrolio

Intesa per il giacimento della Valle del Sauro, che ha riserve per 420 milioni di barili. Prevista anche la cessione gratuita alla Regione di tutto il gas metano presente
Campo di petrolio POTENZA - Uno schema di accordo per lo sviluppo del giacimento di petrolio della Valle del Sauro, tra le province di Potenza e Matera, è stato siglato la notte scorsa a Roma tra la Regione Basilicata e Total. Il giacimento - contiguo a quello della Val d'Agri - ha riserve per 420 milioni di barili di greggio e a regime si prevede un'estrazione quotidiana di 50 mila barili. La concessione per lo sfruttamento del giacimento di Tempa Rossa, denominata Gorgoglione, è suddivisa tra Total (50% e 'rappresentante unicà), e Shell e Mobil Oil Italiana, col 25% ciascuno.
L'accordo è stato siglato a Roma, al termine di una riunione al ministero delle Attività produttive alla quale hanno partecipato il sottosegretario Giovanni Dell'Elce, dirigenti della Direzione Generale per l'energia e le risorse minerarie, il Presidente della Regione Basilicata, Filippo Bubbico, e gli assessori Ermino Restaino e Gaetano Fierro in rappresentanza della Regione e dirigenti della Total Italia spa.
Lo schema di accordo - si apprende dalla Regione Basilicata - ripete sostanzialmente la struttura dell'accordo con l'Eni per lo sviluppo del giacimento della Val d'Agri, «vincolando l'attività mineraria all'uso delle migliori tecnologie disponibili per mitigare al massimo l'impatto ambientale, ed all'attivazione di un complesso di azioni per la compensazione ambientale, il monitoraggio e lo sviluppo sostenibile». E' è prevista anche la cessione gratuita alla Regione Basilicata di tutto il gas metano presente nel giacimento.
Nello schema di accordo è previsto che «qualsiasi attività connessa alla coltivazione degli idrocarburi non dovrà in alcun modo interessare il territorio del costituendo Parco Nazionale della Val d'Agri-Lagonegrese, ivi compreso il monte Caperrino».
Secondo quanto riferito dalla Regione Basilicata, i tecnici del ministero delle Attività produttive nel corso della riunione hanno comunicato che «secondo loro calcoli lo schema di accordo sottoscritto prevede benefici aggiuntivi per la Basilicata (oltre alle royalties previste per legge) di importo pari a circa tre volte il valore dell'accordo raggiunto nel 1998 con l'Eni, ed a circa sei volte il valore massimo fissato dalla legge Marzano sull'energia per il ristoro ai territori». In pratica, secondo valutazioni della regione Basilicata, lo schema di accordo dovrebbe raddoppiare il gettito assicurato dalle royalties.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie