Lunedì 17 Febbraio 2020 | 00:23

NEWS DALLA SEZIONE

Pallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
Incidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
Sanità
Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

 
Il caso
Taranto, operaio dimenticato a 70 metri d'altezza: le sue urla hanno attirato i soccorsi

Taranto, operaio dimenticato a 70 metri d'altezza: le sue urla attirano i soccorsi

 
Banco Farmaceutico
Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

 
I vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
il match
Bari - Picerno: la diretta della partita

Il Bari vince 3-0 contro il Picerno e ora è a meno sei dalla Reggina. Rivedi la diretta

 
Nel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
nel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
processo d'appello
Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

Il furto al caveau in Svizzera fallì: 2 cerignolani e un foggiano condannati a 10 anni

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 
BariL'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
TarantoIncidente stradale
Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

Taranto, moto si ribalta e schiaccia centauro: morto 60enne

 
PotenzaI vigili del fuoco
Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

Pignola, fiamme distruggono deposito di attrezzi

 
LecceNel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Foggianel foggiano
Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

Rignano Garganico, auto sindacalista Fim Cisl incendiata: secondo episodio in pochi giorni

 
MateraViolenza in casa
Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

Matera, ubriaco insulta e picchia la madre per avere dei soldi: arrestato

 

i più letti

Uccisi tre poliziotti egiziani

Un carro armato ha fatto fuoco lungo il confine della Striscia di Gaza credendo che i tre poliziotti fossero una cellula terrorista che voleva infiltrarsi in territorio israeliano per compiere un attentato. Sharon ha chiesto scusa a Mubarak. Anche un portavoce dell'esercito israeliano si è scusato
Il muro in Israele GERUSALEMME - Tre poliziotti egiziani sono stati uccisi durante la notte dai tiri di un carro armato israeliano nel Sud della Striscia di Gaza. Lo ha annunciato la radio militare israeliana.
I carristi israeliani hanno ritenuto che i tre egiziani fossero militanti palestinesi in procinto di compiere attentati, hanno riferito i media israeliani. L'episodio, che è oggetto di una indagine da parte delle forze armate, è avvenuto nelle prime ore di oggi - ha detto la radio. Il carro armato era in postazione sulla linea di confine subito a sud della Striscia di Gaza, un'area dove da quattro anni, da quando cioè è iniziata la seconda intifada, avvengono spesso scontri tra reparti israeliani e militanti palestinesi.

L'Egitto ha accettato le scuse e le spiegazioni di Israele per l'uccisione accidentale di tre suoi poliziotti, colpiti dalla cannonata di un carro armato israeliano, al confine con la striscia di Gaza.
Lo ha riferito l'ufficio del premier israeliano Ariel Sharon che stamane ha telefonato al presidente egiziano Hosny Mubarak per esprimergli il suo rammarico e assicurargli che l'uccisione degli agenti è stata accidentale. L'Egitto, ha aggiunto, riceverà una copia della minuziosa inchiesta che l'esercito sta conducendo sulle circostanze dell'incidente.
Secondo quanto ha riferito la radio statale, nella conversazione il premier, oltre a porgere a Mubarak le sue condoglianze per la morte del fratello nei giorni scorsi, ha detto che Israele si augura di avere nei prossimi giorni la visita del ministro degli esteri egiziano e di quello per i servizi di intelligence.
Il presidente egiziano, secondo l'ufficio del premier, ha accettato le scuse e ha detto di rendersi conto che la morte dei poliziotti è stata accidentale. Dopo aver ringraziato Sharon per le condoglianze, Mubarak ha aggiunto di sperare in un rafforzamento delle relazioni tra Israele e Egitto.
Sull'incidente, un portavoce militare ha detto che da una prima ricostruzione è emerso che soldati di un'unità israeliana che sorveglia il confine tra l'Egitto e la Striscia di Gaza, nei pressi di Rafah, avevano segnalato la scorsa notte la presenza di alcuni armati palestinesi intenti a deporre una mina vicino alla frontiera, su un tratto pattugliato dall'esercito israeliano.
Conseguentemente è stato dato l'ordine di aprire il fuoco e da un carro armato è partita una cannonata che però per sbaglio ha colpito gli agenti egiziani che, secondo quanto ha poi detto il generale David Menachem, si trovavano a circa duecento metri di distanza dai palestinesi. Allo sbaglio hanno contribuito, a suo dire, l'oscurità della notte e il maltempo.
Il vice ministro della difesa Zeev Boim ha detto: «E' stato un incidente increscioso i cui risultati sono gravi».
Israele ha intanto scarcerato stamane lo sceicco Hassan Yusef, 50 anni, che è ritenuto il maggiore esponente del movimento islamico Hamas in Cisgiordania.
Yusef era stato condannato a più di due anni di prigione per appartenenza a un'organizzazione che Israele considera terroristica.
Lo sceicco, che anche stamane ha ribadito la sua appartenenza a Hamas, ha poi raggiunto Hamas e ha deposto una corona di fiori sulla tomba del presidente palestinese Yasser Arafat.
Ai giornalisti, Yusef, ha detto che non ci sarà un cessate il fuoco con Israele se non sarà prima risolta la questione delle migliaia di palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. A suo parere, inoltre, Hamas dovrebbe partecipare alle elezioni palestinesi, sia quelle presidenziali che per il Consiglio legislativo palestinese (Clp).
A Gaza proseguono intanto i colloqui politici del presidente dell'Olp Abu Mazen, del premier Abu Ala e del presidente a interim dell' Autorità nazionale palestinese (Anp) Rawhi Fattuh con i rappresentanti delle diverse organizzazioni palestinesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie