Giovedì 15 Novembre 2018 | 17:22

NEWS DALLA SEZIONE

L'agguato
Foggia, ucciso in una sparatoria affiliato del clan Moretti

Foggia, ucciso in una sparatoria affiliato del clan Moretti

 
Le indagini
Mafia e scommesse online, per il gip «Vitino l'Enel e figli erano pronti a fuggire»

Mafia e scommesse online, per il gip «Vitino l'Enel e figli erano pronti a fuggire»

 
Serie B
Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

 
Serie B
Ricorso accolto, Foggia tira il fiato e spera di riottenere da 2 a 4 punti

Ricorso accolto, Foggia tira il fiato
e spera di riottenere da 2 a 4 punti

 
La decisione
Gasdotto Tap, il Tar conferma lo stop lavori a San Basilio

Gasdotto Tap, il Tar conferma lo stop lavori a San Basilio

 
Trasporti
Fal, entro il 2019 da Bari a Matera in un'ora di treno

Fal, entro il 2019 da Bari a Matera in un'ora di treno

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
Nell’ex convento Francescani Neri
Specchia, nasce la «Casa di Noemi» per contrastare la violenza e il bullismo

Specchia, nasce la «Casa di Noemi» per contrastare la violenza e il bullismo

 
Crisi in Comune
Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci valuta il ritiro delle dimissioni

 
L'agguato a Margherita di Savoia
Margherita di Savoia, preso a pistolettate un fabbro di 41 anni: è in coma

Gli sparano e lo abbandonano davanti all'ospedale di Barletta: è in coma

 
Lotta alla droga
Bari, trasportava 150 kg di marijuana: arrestato 38enne di Fasano

Bari, trasportava 150 kg di marijuana: arrestato 38enne di Fasano VD

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Ucciso davanti a discoteca

Questione di ore l'arresto del responsabile dell'assassinio, accaduto la scorsa notte, a Rende (Cs), di Francesco Gioia, colpito da una coltellata al cuore
RENDE (COSENZA) - Potrebbe essere questione di ore l'arresto del responsabile dell'assassinio, accaduto la scorsa notte, a Rende, centro limitrofo a Cosenza, di Francesco Gioia, colpito da una coltellata al cuore all'uscita di una discoteca.
La Squadra mobile, infatti, sarebbe in procinto d'identificare l'assassino utilizzando anche le testimonianze raccolte tra le persone che si trovavano all'interno e fuori la discoteca.
Secondo quanto si è appreso, l'omicidio, più che da una rissa, sarebbe scaturito da una discussione per futili motivi. Discussione che si è sviluppata in due fasi, una all'interno del locale e l'altra fuori. Francesco Gioia, tra l'altro, non sarebbe stata la persona coinvolta direttamente nella discussione, ma sarebbe intervenuto successivamente in difesa di quest'ultima all'esterno della discoteca.

L'episodio avrebbe avuto origine all'interno del locale a causa di un diverbio provocato da motivi futili nel corso del quale un giovane si sarebbe sentito «offeso» per una frase pronunciata da un'altra persona. Dopo che in un primo tempo sembrava superato, il diverbio è ripreso all'esterno della discoteca, quando il giovane che si reputava offeso si è avvicinato al presunto autore dello sgarbo. Ne è scaturita una nuova discussione, ad un certo punto della quale si è inserito Francesco Gioia, che ha preso le difese del presunto autore dell'offesa.
La situazione ha preso una piega drammatica nel momento in cui il giovane che si reputava offeso ha estratto di tasca un coltello ed ha colpito al cuore Francesco Gioia, provocandone la morte istantanea.
Dopo pochi minuti, avvertiti da una telefonata fatta al 113, sono giunti sul posto gli agenti della Squadra mobile, che, grazie ad alcune testimonianze, hanno ricostruito la dinamica dell'omicidio e della discussione che l'ha preceduto, identificando tutte le persone coinvolte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400