Giovedì 17 Gennaio 2019 | 01:05

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Ucciso davanti a discoteca

Questione di ore l'arresto del responsabile dell'assassinio, accaduto la scorsa notte, a Rende (Cs), di Francesco Gioia, colpito da una coltellata al cuore
RENDE (COSENZA) - Potrebbe essere questione di ore l'arresto del responsabile dell'assassinio, accaduto la scorsa notte, a Rende, centro limitrofo a Cosenza, di Francesco Gioia, colpito da una coltellata al cuore all'uscita di una discoteca.
La Squadra mobile, infatti, sarebbe in procinto d'identificare l'assassino utilizzando anche le testimonianze raccolte tra le persone che si trovavano all'interno e fuori la discoteca.
Secondo quanto si è appreso, l'omicidio, più che da una rissa, sarebbe scaturito da una discussione per futili motivi. Discussione che si è sviluppata in due fasi, una all'interno del locale e l'altra fuori. Francesco Gioia, tra l'altro, non sarebbe stata la persona coinvolta direttamente nella discussione, ma sarebbe intervenuto successivamente in difesa di quest'ultima all'esterno della discoteca.

L'episodio avrebbe avuto origine all'interno del locale a causa di un diverbio provocato da motivi futili nel corso del quale un giovane si sarebbe sentito «offeso» per una frase pronunciata da un'altra persona. Dopo che in un primo tempo sembrava superato, il diverbio è ripreso all'esterno della discoteca, quando il giovane che si reputava offeso si è avvicinato al presunto autore dello sgarbo. Ne è scaturita una nuova discussione, ad un certo punto della quale si è inserito Francesco Gioia, che ha preso le difese del presunto autore dell'offesa.
La situazione ha preso una piega drammatica nel momento in cui il giovane che si reputava offeso ha estratto di tasca un coltello ed ha colpito al cuore Francesco Gioia, provocandone la morte istantanea.
Dopo pochi minuti, avvertiti da una telefonata fatta al 113, sono giunti sul posto gli agenti della Squadra mobile, che, grazie ad alcune testimonianze, hanno ricostruito la dinamica dell'omicidio e della discussione che l'ha preceduto, identificando tutte le persone coinvolte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400