Lunedì 22 Luglio 2019 | 21:13

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Verso Parco Loppa
Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

 
Verso le elezioni
Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

 
Il batterio killer
Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

 
L'odissea
«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

 
Il ripascimento
Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

 
I mondiali
Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

 
Per lo stabilimento di Taranto
ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

 
il più giovane in finale
Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

 
Serie c
Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Al Policlinico di Bari arriva la «Festa del gelato»: dolcezza per i bimbi malati

Al Policlinico di Bari arriva la «Festa del gelato»: dolcezza per i bimbi malati

 
LecceDopo i licenziamenti
Gallipoli, ex lavoratori della Gial Plast si incatenano in aula consiliare

Gallipoli, ex lavoratori della Gial Plast si incatenano in aula consiliare

 
TarantoL'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Brindisi«Felicità è donare»
Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 

i più letti

Giustizia: per italiani è lenta e persecutoria, ma magistrati sono preparati

Tra le prime parole che sono venute in mente agli italiani pensando all'amministrazione della giustizia, dopo i giudizi negativi, sono Silvio Berlusconi (4,1%) e «caotica» (5%)
COURMAYEUR (AOSTA) - Lenta, persecutoria, pessima-ridicola: è la percezione che gli italiani hanno dell' «amministrazione delle giustizia» scaturita da una ricerca condotta fra il 2001 ed il 2003 e realizzata secondo un progetto di fattibilità approvato dal Consiglio superiore della magistratura.
Lo studio, che è stato presentato oggi a Courmayeur in occasione del seminario: «L'Amministrazione della Giustizia e la società», organizzato dal Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale (Cnpds), in collaborazione della Fondazione Courmayeur, è stata condotta dal Cirm tra il 24 settembre ed il primo ottobre 2003 su un campione di 802 interviste.

«Lo stato della giustizia italiana è endemicamente percepito - ha spiegato Morris Ghezzi, dell'Università degli studi di Milano e uno dei curatori della ricerca - in maniera negativa: ma questa percezione è purtroppo, anche un dato oggettivo. Processi, ricorsi, lentezze, procedimenti burocratici, dibattiti politici e usi strumentali della giustizia non fanno che peggiorare la percezione che il cittadino ha dell'istituzione garante della sua libertà e dei suoi diritti in generale».
Nonostante la valutazione sulla scarsa qualità della giustizia, dalla ricerca emerge tuttavia che i magistrati vengono percepiti come «preparati».
«Il faro - ha sottolineato Ghezzi - è rappresentato dalla correttezza nell'applicazione della legge e dalla professionalità dei magistrati ed il loro ruolo va preservato» .

L'amministrazione della giustizia è lenta per il 21.7% degli intervistati, persecutoria per 9,2%, pessima-ridicola per il 9,1%. Nel complesso, gli aspetti negativi rappresentano il 72,5%, contro il 9,7% di quelli positivi: per il 3,9% è efficiente, per il 3,4% indipendente, per il 2,4% uguale per tutti. «In modo del tutto coerente con le posizioni espresse dai diversi schieramenti politici nel dibattito in corso», ha fatto osservare il relatore, tra gli intervistati del centro sinistra è più alta la percentuale di quanti ritengono che la giustizia sia assediata dagli attacchi politici (9,5% rispetto al 4,1% del totale del campione) e di quanti difendono l' indipendenza dei magistrati, 6,3% rispetto al 3,4% del totale campione).

Morris Ghezzi ha poi evidenziato alcune differenti percentuali di percezione. Il concetto di «lenta» è espresso soprattutto dagli intervistati più giovani (27,4% tra i 18-34 anni), dai residenti nel centro Italia (28,6%) e da coloro che si dichiarano politicamente di centro (27,5%) e di centro-sinistra (28,5%).
Il concetto «ingiusta e persecutoria» sale al 12,2% tra gli ultracinquantenni, mentre è pari al 12,3% tra i residenti al centro Italia e al 13% tra chi si definisce di centro-destra. «Tra questi ultimi - ha sottolineato Ghezzi - è particolarmente alta la quota di intervistati che esprime concetti fortemente negativi sintetizzati nell'espressione «pessima-ridicola» (18,1% rispetto al 9,1% del totale campione) e la percentuale di chi definisce l'amministrazione della giustizia politicizzata (11,1%)».

Tra le prime parole che sono venute in mente agli italiani pensando all'amministrazione della giustizia, dopo i giudizi negativi, sono Silvio Berlusconi (4,1%) e «caotica» (5%).
«Il rapporto tra cittadino e giustizia - ha proseguito Morris Ghezzi - non è idilliaco: il 65,1% degli interpellati ritiene che ci siano molte difficoltà nel momento in cui si viene a contatto con la giustizia». E la ricerca evidenzia che maggiore è la percezione delle difficoltà tra i maschi (68,8%), tra gli intervistati più giovani (66,7%) e tra quelli di 55 anni e oltre (66,4%), tra i residenti al centro Italia (68,8%) e tra gli elettori di centro-destra (72,7%), piuttosto che tra gli elettori di centro (62,6%) o di centro-sinistra (57,6%).
Infine, il 68% degli intervistati ritiene che la giustizia civile e quella penale presentino per il cittadino gli stessi problemi e le stesse difficoltà. Ciò vale soprattutto al Sud, dove la percentuale sale al 72,2%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie