Martedì 15 Gennaio 2019 | 23:58

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Ucciso da coltellata mentre tenta rapina

E' stato il titolare dell'esercizio nel Bresciano, dopo essere stato colpito più volte alla testa con il calcio di una pistola, a ferire mortalmente il rapinatore
DESENZANO DEL GARDA (BRESCIA) - Un rapinatore è morto a Desenzano, la scorsa notte, dopo essere stato raggiunto da una coltellata mentre, con un complice, tentava di mettere a segno un colpo in un ristorante.
E' accaduto durante una colluttazione particolarmente violenta che ha visto coinvolti i due rapinatori e le quattro persone che, poco prima dell'una, stavano ancora lavorando nel ristorante «Da Gianni», nell'entroterra di Desenzano. Nel locale, dove non era rimasto più alcun cliente, si trovavano il titolare Gianni Razza, 57 anni, la moglie, il figlio di 33 anni e la fidanzata di quest'ultimo. E' stato il titolare, dopo essere stato colpito più volte alla testa con il calcio di una pistola, a ferire mortalmente il rapinatore, secondo una dinamica in corso di ricostruzione da parte dei carabinieri di Desenzano.
«L'ho visto venire verso di me con la pistola in mano - ha commentato Razza, al ritorno dall'ospedale, dove gli sono stati praticati 13 punti di sutura alla testa - non volevo ammazzarlo, non pensavo a niente in quel momento. Temevo potessero fare del male alle due donne».
Il rapinatore, dopo essere stato ferito, è uscito dalla cucina del ristorante e si è avvicinato all'auto con cui lui e il complice, nel frattempo fuggito, erano giunti a Desenzano, una Peugeot 307 risultata rubata in provincia di Rovigo. E' stato inseguito dal figlio del ristoratore che, poco prima, dopo averlo colpito più volte con una scopa, aveva messo in fuga il complice. Il malvivente ha puntato l'arma contro il 33enne ma non ha sparato, cercando invece di allontanarsi. Fatti pochi metri si è però accasciato ed è morto. Il complice era riuscito, intanto, a far perdere le proprie tracce.
La scientifica dei carabinieri è stata impegnata per ore nei rilievi. E' stato recuperato un guanto macchiato di sangue. Sono state inoltre rilevate le impronte digitali del rapinatore morto, per poter procedere alla sua identificazione dal momento che non aveva documenti con sè.
In considerazione della provenienza dell'auto usata per il colpo finito tragicamente si pensa a persone che abitano in Veneto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400