Domenica 11 Aprile 2021 | 22:47

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

 
il bollettino
Coronavirus, in Italia oltre 15mila casi su 253mila tamponi (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

Covid, in Italia 15mila casi su 253mila test (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

 
Politica
Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1359 nuovi casi su 10mila test. 15 decessi, nuovo aumento ricoveri. Da inizio pandemia 2 milioni di tamponi

Coronavirus, in Puglia 1359 casi su 10mila test. 15 decessi, su i ricoveri. Vaccinate oltre 762mila persone

 
Le linee guida
Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

 
Sanità
Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

 
Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Lecce
Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

 
L'intervista
Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

 
Nel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
La circolare
Coronavirus Puglia, da domani vaccino agli over 60 senza prenotazione

Puglia, da domani vaccino a over 60 senza prenotazione «Ma non da subito per tutti» Le linee guida: ecco come funzionerà

 

Il Biancorosso

Il punto
Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIndustria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
BrindisiNel Brindisino
Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

 
TarantoNel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
BariPolizia Locale
Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

 
HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Cassintegrati a migliaia in Fiat

Cig per una settimana (dal prossimo 27 settembre) a Termini Imerese, e per due settimane a Cassino. Fermi in 540 a Mirafiori. Sindacati preoccupati
TORINO - La cassa integrazione interesserà, dal 27 settembre al 3 ottobre, tutti i 1.400 lavoratori di Termini Imerese e, dal 27 settembre al 10 ottobre, i 3.600 di Cassino. A Mirafiori il provvedimento, oltre ai 540 addetti delle Carrozzerie, riguarda anche 250 lavoratori delle Presse.
Il ricorso alla cassa integrazione ordinaria, che da inizio anno ha un ritmo mensile soprattutto per gli stabilimenti Mirafiori, Termini Imerese e Cassino, è motivato con la necessità di equilibrare la produzione al mercato per non accumulare vetture invendute. Subito dopo le ferie la Fiat ha lasciato a casa una settimana in più i circa 1.400 lavoratori di Mirafiori delle linee Thesis, Lybra e 166, e i 3.600 di Cassino. «Questo ulteriore ricorso alla cassa integrazione - osserva Vittorio De Martino, responsabile della Fiom di Mirafiori - conferma la necessità di un incontro nazionale in cui si apra la discussione sulle prospettive industriali della Fiat».
«La Fiat - commenta il segretario generale della Uilm, Antonioni Regazzi - è ancora in mezzo alle difficoltà e bisogna lavorare per superarle. Solleciteremo l'incontro, che abbiamo già chiesto a luglio, per avere dati specifici sui singoli stabilimenti. Il nuovo ricorso alla cassa integrazione è preoccupante perchè il periodo di gestazione della crisi sta diventando troppo lungo. E anche la nuova organizzazione di Fiat Auto, che sarà annunciata domani, dimostra che si fatica di trovare un punto di equilibrio nel gruppo dirigente di prima linea».
«La cura Marchionne - osserva Roberto Di Maulo, segretario generale della Fismic - è interessante perchè sta andando in profondità e il cambio organizzativo rivela una cosa che gli operai si aspettavano: un grande ricambio del gruppo dirigente e un approccio meno burocratico che puntà alla qualità e alla valorizzazione delle persone. Nel frattempo però i segnali continuano a essere poco incoraggianti: la cassa integrazione all'Auto, il ventilato annuncio della Powertrain di chiudere la produzione del motore a Torino. L'impegno di Marchionne a convocare i sindacati deve tradursi in un incontro urgente e deve coinvolgere anche città e istituzioni».
Per Antonio Sansone, responsabile Fiat della Fim torinese, «il ritorno dalle ferie non è purtroppo diverso dalla partenza: dopo l'incontro del 29 luglio con Marchionne è urgente approfondire le novità presenti nel piano di organizzazione dell'Auto. Ci auguriamo che contenga le condizioni per rilanciare l'Auto a partire da Mirafiori e in un profilo di integrazione delle produzioni».
«La cassa integrazione - sottolinea il segretario generale della Fiom torinese, Giorgio Airaudo - conferma che, nonostante il fare e il disfare l'organizzazione dell'Auto, la musica per i lavoratori non è cambiata. E' urgente che i sindacati metalmeccanici, che domani riuniranno insieme le segreterie, varino una piattaforma per la salvaguardia dell'industria dell'auto, come si è fatto a Torino. Aspettiamo inoltre che le istituzioni locali ci riferiscano i risultati della loro azione di lobby».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie