Martedì 13 Novembre 2018 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente a Torremaggiore (FG)
Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Il furto
Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

 
Inquinamento
Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

 
Abusi e violenze
Francavilla, nigeriano tormenta per anni una connazionale: arrestato

Francavilla Fontana, nigeriano tormenta per anni la sua ex: arrestato

 
L'appuntamento
Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
L'udienza il 14 gennaio
Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

 
Si chiamava Jaco
S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

 
Vittima l'81enne Rocco Petrillo
Foggia: militante Lega aggredito da 5 migranti, la denuncia del vicesegretario regionale

Foggia: militante Lega aggredito da 5 migranti, la denuncia del vicesegretario regionale

 
A Bari il flash mob
Emiliano al flash mob per libertà di stampa: «Giornalisti fondamentali in controllo democrazia»

Emiliano difende libertà di stampa: «Giornalisti necessari in controllo democrazia»

 
a Foggia
"C'è un ladro in casa", ma voleva solo mangiare prosciutto e formaggio: arrestato

"C'è un ladro in casa", ma voleva solo mangiare prosciutto e formaggio: arrestato

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Cecenia - Eletto il nuovo presidente

Alu Alkhanov, sostenuto dal Cremlino, è stato proclamato ufficialmente vincitore delle elezioni presidenziali al primo turno, con il 73,48% dei voti
GROZNY - Alu Alkhanov, sostenuto dal Cremlino, è stato proclamato ufficialmente vincitore delle elezioni presidenziali in Cecenia al primo turno, con il 73,48% dei voti. Il nuovo presidente ha escluso qualsiasi possibilità di dialogo con il leader separatista Aslan Maskhadov e ha detto che punterà sulla rinascita economica della repubblica caucasica con la creazione di 150.000 posti di lavoro in cinque anni. Alkhanov ha affermato che «Maskhadov e il fondamentalismo islamico non hanno un futuro in Cecenia». Gli estremisti «possono uccidere e mettere bombe, ma la volontà del popolo li ha gettati nella spazzatura della storia e Maskhadov ha scelto la stessa strada».
Alkhanov, quarantasettenne ex ministro dell'Interno, era il delfino di Akhmad Kadyrov, il presidente ceceno fedelissimo di Vladimir Putin assassinato il 9 maggio. «Sento il peso di un'enorme responsabilità», ha dichiarato dopo la proclamazioene della sua vittoria, «non c'è euforia perchè ho una chiara consapevolezza del duro lavoro che ci attende». La prima emergenza resta ovviamente la guerriglia separatista che si protrae da un decennio e che ricorre sempre di più all'arma del terrorismo, come dimostrano gli attentati di probabile matrice cecena della settimana scorsa contro due aerei di linea russi, costati la vita a 89 persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400