Martedì 25 Febbraio 2020 | 05:04

NEWS DALLA SEZIONE

il bilancio
Puglia, amministratori comunali sotto tiro: 71 casi nel 2019

Puglia, amministratori comunali sotto tiro: 71 casi nel 2019

 
Il processo
Bari, spaccio nella movida: 3 condanne e 9 patteggiamenti

Bari, spaccio nella movida: 3 condanne e 9 patteggiamenti

 
La decisione
Regione Puglia: «Chi rientra dal Nord deve segnalarlo al medico di base»

Coronavirus, Regione Puglia: «Chi rientra dal Nord deve segnalarlo al medico di base»

 
L'operazione
Taranto, rapinarono una banca: 2 pregiudicati in manette

Taranto, rapinarono una banca: 2 pregiudicati in manette

 
Il caso
Bitonto, beccati due baby scippatori seriali di 16 e 17 anni

Bitonto, beccati due baby scippatori seriali di 16 e 17 anni

 
La vertenza
Eipli e i 67 mln di debiti: a rischio stipendi 150 lavoratori che gestiscono 8 dighe

Eipli e i 67 mln di debiti: a rischio stipendi 150 lavoratori che gestiscono 8 dighe

 
monica imperiale
Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

 
Il caso
Coronavirus, al Tribunale di Foggia l'invito ad avvocati e utenti: «In aula singolarmente»

Coronavirus, a Tribunale Foggia «In aula singolarmente». Lecce, processi a porte chiuse. Potenza: allontanato avvocato

 
I controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 
I controlli
Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

Caporalato, accoltella connazionale nel ghetto di Borgo Mezzanone : arrestato

 

Il Biancorosso

Calcio
Cavese-Bari: la diretta della partita

Bari, solo un punto con la Cavese

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantotragedia sfiorata
Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

 
BatL'appuntamento
Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

 
BariIl rientro
Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

 
PotenzaIl caso
Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

 
FoggiaL'incendio nel Foggiano
Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

 
BrindisiLa riserva
Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare:

Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare

 
LecceI controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 

i più letti

Israele - 1.500 detenuti palestinesi hanno cominciato lo sciopero della fame

La protesta contro le loro condizioni di vita in prigione. Si stima che ben presto la protesta divamperà tra i circa 8mila altri detenuti
GERUSALEMME - Circa 1.500 palestinesi detenuti in Israele hanno cominciato oggi uno sciopero della fame a tempo indeterminato per protestare contro le loro condizioni di vita in prigione.
Si prevede che nei prossimi giorni lo sciopero si allargherà ad altre migliaia dei circa ottomila palestinesi che sono stati incarcerati da Israele.
Un portavoce delle autorità carcerarie israeliane, Ian Domintz, ha detto che stamane 1.464 detenuti, nella prigioni di Deshel, Nafha, Shata e Hadarim hanno rifiutato la prima colazione. Ha tuttavia precisato che gli scioperanti continuano a prendere alimenti liquidi, come il latte.
In reazione allo sciopero, annunciato nei giorni scorsi, le autorità hanno revocato agli scioperanti diversi privilegi, togliendo dalle loro celle radio e televisioni, privandoli dei giornali e negando a loro contatti con le famiglie e con i legali.
Gli scioperanti chiedono il miglioramento delle condizioni di detenzione, come telefoni pubblici nei bracci delle prigioni dove si trovano le loro celle, la rimozione delle lastre di vetro che impediscono contatti con i parenti nelle ore di visita, la fine di «umilianti» perquisizioni personali e altre concessioni ancora.
Ma il ministro della sicurezza interna Tzahi Hanegbi ha dichiarato che «non ci sarà il benché minimo compromesso con gli scioperanti». Essi, aveva dichiarato in una conferenza stampa lo scorso venerdì, «possono morire di fame, per quanto mi riguarda».
Hanegbi ha affermato che dietro lo sciopero, a suo dire politicamente motivato, ci sono i movimenti Hamas e Jihad Islamica.
Le autorità carcerarie sostengono che diversi attacchi terroristici sono stati progettati da palestinesi già in prigione in coordinamento tra loro. Anche la richiesta di telefoni avrebbe il fine di ordinare l'attuazione di nuovi attacchi.
Un esponente del comitato per la tutela dei detenuti palestinesi, Issa Karaka, in una conferenza stampa oggi a Ramallah ha negato che dietro lo sciopero vi siano Hamas e la Jihad Islamica e ha affermato che le condizioni di detenzione dei palestinesi sono in violazione del diritto internazionale e dei diritti umani.
Ha chiesto che sia costituita una commissione internazionale col compito di verificare le condizioni di vita dei palestinesi nelle prigioni israeliane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie