Lunedì 22 Luglio 2019 | 20:07

NEWS DALLA SEZIONE

Verso Parco Loppa
Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

 
Verso le elezioni
Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

 
Il batterio killer
Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

 
L'odissea
«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

 
Il ripascimento
Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

 
I mondiali
Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

 
Per lo stabilimento di Taranto
ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

 
il più giovane in finale
Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

 
Serie c
Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 
La decisione
S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoVerso Parco Loppa
Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

 
Brindisi«Felicità è donare»
Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

 
BariL'odissea
«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
LecceMusica
Ghemon arriva a Pescoluse, unica tappa salentina del rapper

Ghemon arriva a Pescoluse, unica tappa salentina del rapper

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 

i più letti

Israele - 1.500 detenuti palestinesi hanno cominciato lo sciopero della fame

La protesta contro le loro condizioni di vita in prigione. Si stima che ben presto la protesta divamperà tra i circa 8mila altri detenuti
GERUSALEMME - Circa 1.500 palestinesi detenuti in Israele hanno cominciato oggi uno sciopero della fame a tempo indeterminato per protestare contro le loro condizioni di vita in prigione.
Si prevede che nei prossimi giorni lo sciopero si allargherà ad altre migliaia dei circa ottomila palestinesi che sono stati incarcerati da Israele.
Un portavoce delle autorità carcerarie israeliane, Ian Domintz, ha detto che stamane 1.464 detenuti, nella prigioni di Deshel, Nafha, Shata e Hadarim hanno rifiutato la prima colazione. Ha tuttavia precisato che gli scioperanti continuano a prendere alimenti liquidi, come il latte.
In reazione allo sciopero, annunciato nei giorni scorsi, le autorità hanno revocato agli scioperanti diversi privilegi, togliendo dalle loro celle radio e televisioni, privandoli dei giornali e negando a loro contatti con le famiglie e con i legali.
Gli scioperanti chiedono il miglioramento delle condizioni di detenzione, come telefoni pubblici nei bracci delle prigioni dove si trovano le loro celle, la rimozione delle lastre di vetro che impediscono contatti con i parenti nelle ore di visita, la fine di «umilianti» perquisizioni personali e altre concessioni ancora.
Ma il ministro della sicurezza interna Tzahi Hanegbi ha dichiarato che «non ci sarà il benché minimo compromesso con gli scioperanti». Essi, aveva dichiarato in una conferenza stampa lo scorso venerdì, «possono morire di fame, per quanto mi riguarda».
Hanegbi ha affermato che dietro lo sciopero, a suo dire politicamente motivato, ci sono i movimenti Hamas e Jihad Islamica.
Le autorità carcerarie sostengono che diversi attacchi terroristici sono stati progettati da palestinesi già in prigione in coordinamento tra loro. Anche la richiesta di telefoni avrebbe il fine di ordinare l'attuazione di nuovi attacchi.
Un esponente del comitato per la tutela dei detenuti palestinesi, Issa Karaka, in una conferenza stampa oggi a Ramallah ha negato che dietro lo sciopero vi siano Hamas e la Jihad Islamica e ha affermato che le condizioni di detenzione dei palestinesi sono in violazione del diritto internazionale e dei diritti umani.
Ha chiesto che sia costituita una commissione internazionale col compito di verificare le condizioni di vita dei palestinesi nelle prigioni israeliane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie