Martedì 13 Novembre 2018 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente a Torremaggiore (FG)
Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

Foggia, imprenditrice 48enne muore schiacciata da muletto

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Il furto
Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

Bari, ruba un portafoglio dal camerino del Petruzzelli: arrestato vigilante

 
Inquinamento
Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

Pioggia acida nel Leccese, la Procura apre un'inchiesta

 
Abusi e violenze
Francavilla, nigeriano tormenta per anni una connazionale: arrestato

Francavilla Fontana, nigeriano tormenta per anni la sua ex: arrestato

 
L'appuntamento
Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Castrovillari-Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
L'udienza il 14 gennaio
Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

Lecce, usò il compagno come cancellino umano, bullo rinviato a giudizio

 
Si chiamava Jaco
S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

 
Vittima l'81enne Rocco Petrillo
Foggia: militante Lega aggredito da 5 migranti, la denuncia del vicesegretario regionale

Foggia: militante Lega aggredito da 5 migranti, la denuncia del vicesegretario regionale

 
A Bari il flash mob
Emiliano al flash mob per libertà di stampa: «Giornalisti fondamentali in controllo democrazia»

Emiliano difende libertà di stampa: «Giornalisti necessari in controllo democrazia»

 
a Foggia
"C'è un ladro in casa", ma voleva solo mangiare prosciutto e formaggio: arrestato

"C'è un ladro in casa", ma voleva solo mangiare prosciutto e formaggio: arrestato

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La polizia «libera» 50 ragazze dell'Est

A Roma rumene, moldave ed ucraine erano finite in un giro di prostituzione gestito da rumeni. Sono state arrestate 15 persone dell'organizzazione
ROMA - Una cinquantina di ragazze rumene, moldave ed ucraine, anche minorenni, sono state salvate a Roma dalla polizia che ha arrestato 15 persone dell'organizzazione rumena che, dopo averle introdotte clandestinamente in Italia, le obbligava a prostituirsi.
Le indagini della squadra mobile romana, diretta da Alberto Intini, sono cominciate lo scorso gennaio, quando sono stati identificati e localizzati i componenti del «pericoloso» gruppo criminale che da alcuni anni aveva soppiantato nella capitale le organizzazioni albanesi. Il gruppo che operava a Roma riceva ordini direttamente dalla Romania, dove sarebbe stato individuato il vertice dell'organizzazione che operava con metodi mafiosi.
La banda dei rumeni, che gestiva un centinaio di ragazze, aveva il predominio in varie zone della città, come via Salaria, via Tiburtina e via Cristoforo Colombo.
Durante il blitz notturno la polizia ha identificato la cinquantina di ragazze sulla Salaria ed ora la loro posizione è al vaglio dell'ufficio immigrazione.
Oltre i 15 arresti, eseguiti su ordine del Pm Francesco Polino, sono in corso numerose perquisizioni effettuate anche fuori provincia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400