Giovedì 11 Agosto 2022 | 06:45

In Puglia e Basilicata

Tasse, alloggio o Master  l’Ateneo foggiano ora ti fa un prestito

Tasse, alloggio o Master  l’Ateneo foggiano ora ti fa un prestito
di ANNA LANGONE 
Con la crisi economica anche gli studi universitari possono diventare un problema. Con un prestito, l’Ateneo foggiano (con una serie di partner) offre fino a 6mila euro. L’iniziativa nasce da un accordo tra i ministeri per le Politiche Giovanili, delle Riforme, dell’Università con l’Associazione Bancaria Italiana e vuole agevolare gli studenti a sostenere le spese per la propria formazione
• Età, punteggio, merito, ecco che cosa è richiesto

16 Gennaio 2010

di ANNA LANGONE 

Pagare le tasse, iscriversi a un Master, acquistare un computer, pagare l’alloggio da fuorisede: con la crisi economica, tutto ciò può diventare un problema per uno studente universitario, ma l’Università gli tende una mano. Con un prestito, che l’Ateneo (con una serie di partner) offre fino a 6mila euro. L’iniziativa nasce da un accordo tra i ministeri per le Politiche Giovanili, delle Riforme, dell’Università con l’Associazione Bancaria Italiana e vuole agevolare gli studenti a sostenere le spese per la propria formazione. I beneficiari delle iniziative sono tutti gli studenti iscritti all’Università degli Studi di Foggia, o post-universitari, di qualunque nazionalità, purché residenti in Italia, con età compresa tra i 18 e i 35 anni, che abbiamo determinati requisiti (di cui riferiamo in altro servizio ndr). Gli importi finanziabili possono essere richiesti per: pagare tasse e contributi universitari (per un importo massimo di 2.000 euro); partecipare a un programma comunitario Erasmus (per un importo massimo di 6.000 euro); iscriversi a un master post-universitario (per un importo massimo di 6.000 euro); acquistare personal computer portatili dotati di connettività wi-fi (per un importo massimo di 1.000 euro); pagare le spese connesse alla locazione per i fuori sede come il deposito cauzionale e le eventuali spese per l’inter mediazione immobiliare (per un importo massimo di 3.000 euro). 

Possono essere richiesti anche più finanziamenti (per esempio acquisto di pc + pagamento tasse universitarie + spese locazione) fino ad un importo massimo complessivo di 6.000 euro. Lo studente, dopo aver preso visione di tutte le condizioni indicate al sito ufficiale dell’iniziativa www.diamoglicredito.it, deve richiedere all’Università il modulo di adesione al progetto. Quando lo studente riceverà conferma dell’esistenza del merito, avrà anche l’assegnazione del codice identificativo personale (PIN), che lo autorizza alla richiesta del prestito garantito. Con il PIN, lo studente potrà recarsi in banca e attivare il prestito. Il PIN può essere utilizzato presso una banca dal giorno successivo al rilascio da parte dell'Ateneo ed ha validità di 90 giorni dalla data di ril ascio. Per verificare se ha o meno diritto al credito lo studente si deve rivolgere presso l’Università l'unica titolata al riconoscimento del diritto al credito. 

Il prestito va rimborsato, ma per tre mesi dalla scadenza dell’eventuale ultima rata insoluta, non ci saranno altre conseguenze oltre all’addebito degli interessi di mora. Dopo un primo sollecito, lo studente avrà ulteriori 60 giorni di tempo. Alla fine di questo periodo di 5 mesi, se risultasse ancora inadempiente, la banca potrà attivare il fondo di garanzia presso il Ministero Politiche Giovanili.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725