Giovedì 11 Agosto 2022 | 11:40

In Puglia e Basilicata

«Raccolta differenziata?  Facciamo il centro nel parco  archeologico di Taranto»

«Raccolta differenziata?  Facciamo il centro nel parco  archeologico di Taranto»
di FABIO VENERE 
Il parco di via Blandamura doveva essere aperto a visitatori e turisti, in realtà è solo un’area abbandonata e degradata. La proposta di Amiu e Comune non piace ai residenti. L’Amministrazione comunale, d’intesa con l’azienda d’igiene urbana, avrebbe pensato (il condizionale è dìobbligo) di realizzare una struttura per il conferimento differenziato nel piazzale Federico Fellini, area confinante col parco archeologico
• Il parco, tra illusioni e realtà

11 Gennaio 2010

di FABIO VENERE 

Un centro di raccolta rifiuti («differenziati») a due passi dal parco archeologico di via Blandamura. E il fatto che il parco sia off limits ormai da anni non attenua le preoccupazioni dei residenti e della circoscrizione Tre Carrare-Solito. Anzi, paradossalmente, alimenta le polemiche ed i rimpianti per quel poteva essere (un parco archeologico attrezzato e visitato da studenti e turisti) e la amara realtà (finanziamenti comunitari sprecati). 

Per ora, sia chiaro, non è stata assunta alcuna decisione. Solo «voci» ed incontri informali. Ma tanto è stato sufficiente, evidentemente, a mettere in allarme il presidente della circoscrizione. Da quel che risulta alla «Gazzetta», infatti, Adriano Tribbia ha inviato una nota al sindaco di Taranto, al presidente dell’Amiu ed agli assessori all’Ambiente ed ai Lavori pubblici. Tribbia scrive: «La localizzazione di questo centro comunale di raccolta arrecherà prevedibili disagi d’ordine vario in una zona che, negli ultimi decenni, ha avuto un miglioramento ambientale per non considerare poi il fatto che a pochi metri dal sito individuato insiste un asilo». 

Esattamente l’Amministrazione comunale, d’intesa con l’azienda d’igiene urbana, avrebbe pensato di realizzare questo struttura nel piazzale Federico Fellini, area confinante col parco archeologico di via Blandamura. Questo piazzale, da diversi anni, è stato trasformato in un parcheggio libero ma originariamente nel progetto di riqualificazione dell’area avrebbe dovuto ospitare le auto di chi andava a vedere i resti archeologici. Ma perchè Amiu e Comune avrebbero scelto quel punto? Quel piazzale è a pochi metri dall’isola ecologica di via Blandamura in cui i cittadini conferiscono carta, plastica, vetro e metalli. La scelta deriva, dunque, da motivi strettamente logistici. 

Ma, esattamente, cosa intendono Amiu e Comune quando parlano di centro comunale di raccolta? Lì, di fatto, dovranno appunto essere raccolti i rifiuti «differenziati» (carta, plastica, vetro, cartone, metalli e multimateriale). E secondo le stime iniziali, la struttura dovrebbe estendersi per 2mila metri quadrati ed avere un bacino di 50mila utenti. «Nel centro - si riporta da una relazione tecnica - sarà effettuata l’attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee conferiti dai cittadini per il successivo trasporto agli impianti di recupero e trattamento. La struttura sarà gestita dall’Amiu. Un manufatto già esistente - si legge dalla relazione - sarà utilizzato come ufficio, magazzino e guardiania a disposizione del personale». Verrà potenziata l’illuminazione esistente e realizzato un impianto di videosorveglianza che potrà essere collegato con le centrali operative delle forze dell’ordine. Ed infine, «per educare anche i più piccoli all’importanza della raccolta differenziata» verrà realizzata un’area a verde che potrà essere attrezzata anche a parco giochi. Ma questo non basta ad attenuare una polemica pronta ad esplodere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725