Mercoledì 10 Agosto 2022 | 19:28

In Puglia e Basilicata

A Cisternino, grafomane lava in piazza i «panni sporchi»

A Cisternino, grafomane lava in piazza i «panni sporchi»
Un solo autore o diversi? Non si sa, fatto è che da giorni per le vie di Cisternino un ignoto (o ignoti) affiggono quelle che vengono definite «commemorazioni», dove ogni foglietto riguarda un episodio specifico. Spesso ai volantini sono «allegati» anche dei fiori di campo appena raccolti e c'è chi la mattina esce di casa solo per vedere se la sua storia tappezza i muri

07 Gennaio 2010

Ben 27 manifestini e forse più, appiccicati agli angoli delle strade, che affrontano temi di ogni tipo: dichiarazioni d'amore, reprimende verso conoscenti e parenti, e molto altro ancora per dire quello che in un anno è avvenuto in tutta la città, facendo un resoconto critico reso pubblico con l’affisione per strada. È quanto accade già da alcuni giorni ad opera di ignoti grafomani che sembrano ergersi a coscienza critica e morale del territorio, «commemorando» e mettendo alla gogna pubblica amici e parenti. 

Se sia un lui o una lei, se siano più d’uno o la stessa persona, non è ben chiaro. Di fatto nel mirino sono finite persone che nel corso dell’anno, con parole o fatti, hanno offeso o umiliato gli ignoti censori. Ma non mancano, fra i contenuti di questi manifestini «artigianali», dichiarazioni d’amore o richieste di matrimonio. scritta cisternino
ll fenomeno è in atto nell’area urbana e periferica di Cisternino e l’affissione avviene sui pali della luce o sui tronchi d’albero, dove campeggiano fogli su cui è riportato di volta in volta un episodio offensivo o lesivo di cui il firmatario è stato vittima. In alcuni casi ci sono le foto dei personaggi che hanno avuto atteggiamenti poco corretti, accompagnate da commenti di disprezzo e fiori veri legati al palo su cui è attaccato il foglietto. 

«Per commemorare - si legge in uno dei manifestini - la tua incapacità a relazionarti con il prossimo, caro ex amico (...nome del destinatario- ndr), depongo questo fiore di campo e comunico pubblicamente, a chi ancora non ha saputo, che il giorno 18 agosto mi hai fregato la ragazza e siccome la ruota gira ora lei ha lasciato te. Buona fine e buon principio». Così recita una delle ventisette «commemorazioni» che si trovano in giro per il paese. Si va dagli amici ai parenti, passando per i datori di lavoro, fino a un non meglio precisato «Robby» (uomo? donna?): «Robby, come te lo devo far capire? Sui muri e ora sugli alberi scrivo che ti amo. Domani finisce l’anno e tra poco mi verranno i capelli bianchi, quando mi sposi????????????». (Milena Fumarola)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725