Giovedì 18 Agosto 2022 | 03:56

In Puglia e Basilicata

Tarantino ai domiciliari evade per incontrarsi con l'amante: arrestato

Tarantino ai domiciliari evade per incontrarsi con l'amante: arrestato
di MARISTELLA MASSARI
TARANTO - Avrà pensato che l’occasione era troppo ghiotta per farsela sfuggire. La moglie era fuori casa per le feste e lui, detenuto agli arresti domiciliari, è evaso per trascorrere il primo giorno dell’anno con l’amante. Ma gli è andata male, anzi malissimo. E non tanto perché, alla fine, lo ha scoperto la consorte, quanto per il fatto che l’evaso per... amore, è finito nella rete della Polizia ed è stato arrestato. Nei guai, grossi guai, è finito un 35enne tarantino, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine.

03 Gennaio 2010

di Maristella Massari

TARANTO - Avrà pensato che l’occasione era troppo ghiotta per farsela sfuggire. La moglie era fuori casa per le feste e lui, detenuto agli arresti domiciliari, è evaso per trascorrere il primo giorno dell’anno con l’amante. Ma gli è andata male, anzi malissimo. E non tanto perché, alla fine, lo ha scoperto la consorte, quanto per il fatto che l’evaso per... amore, è finito nella rete della Polizia ed è stato arrestato. Nei guai, grossi guai, è finito un 35enne tarantino, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine.

Il suo arresto è stato piuttosto movimentato. L’altra mattina, al 113 è stata segnalata una violenta lite familiare tra padre e figlio in un appartamento di uno stabile del centro di Taranto. Giunti sul posto, gli agenti della Squadra Volante, sono entrati nell’abitazione del pregiudicato e si sono accorti che uno dei due litiganti, proprio lo stesso 35enne, era detenuto agli arresti domiciliari, ma al momento del loro arrivo in casa non c’era più.

I genitori del giovane - che in ogni modo, anche con la forza, avevano cercato di impedirgli di uscire - non hanno saputo fornire agli investigatori elementi utili per rintracciarlo. Gli unici particolari raccontati alla Polizia sono stati il nome della ragazza che accompagnava il figlio quando si è allontanato da casa ed un dettaglio dell’auto di quest’ultima: uno sportello di colore diverso dal resto della vettura con la quale i due si erano allontanati.

I poliziotti, raccolti gli indizi, hanno avviato le ricerche dell’evaso. Ad alcuni isolati di distanza dall’abitazione del 35enne, la pattuglia ha trovato l’auto della donna con il motore ancora caldo. Grazie alla collaborazione dei colleghi della sala operativa, gli agenti sono riusciti a risalire al nome della proprietaria della vettura.

Individuata l’abitazione della donna, poco distante dal luogo in cui era stata ritrovata la sua auto, i poliziotti hanno cercato di entrare in casa. Ma la coppia si era barricata nell’abitazione. La porta, era stata chiusa a chiave dall’interno. Non solo. I due amanti clandestini, oltre alle mandate alla serratura, per evitare che gli agenti sfondassero la porta, hanno sistemato a contrasto un tavolo e un asse da stiro. Dopo ripetuti inviti dei poliziotti ad aprire, i poliziotti hanno chiesto aiuto ai vigili del fuoco. In pochi minuti, sul posto è giunta un’autoscala e pompieri e poliziotti sono riusciti a entrare nell’appartamento dalla finestra.

Solo a questo punto, senza più via di scampo, il 35enne si è arreso. Ha aperto la porta e si è consegnato alla Polizia. Ora è in carcere in attesa dell’udienza di convalida e, soprattutto, del colloquio con la moglie...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725