Giovedì 18 Agosto 2022 | 22:07

In Puglia e Basilicata

Agguato a Foggia ucciso pregiudicato Testimone il cognato

Agguato a Foggia ucciso pregiudicato Testimone il cognato
FOGGIA - Un pregiudicato e sorvegliato speciale di Foggia, Giuseppe Speranza, di 30 anni, è morto per le ferite subite in un agguato con colpi d’arma di fuoco compiuto ieri nelle vicinanze della chiesa del Sacro Cuore, nel periferico rione Candelaro di Foggia. 

03 Gennaio 2010

FOGGIA - Un pregiudicato e sorvegliato speciale di Foggia, Giuseppe Speranza, di 30 anni, è morto per le ferite subite in un agguato con colpi d’arma di fuoco compiuto ieri nelle vicinanze della chiesa del Sacro Cuore, nel periferico rione Candelaro di Foggia. 

Secondo i primi accertamenti della Squadra mobile di Foggia, uno sconosciuto ha sparato contro l’uomo quattro colpi di pistola e un proiettile ha raggiunto Speranza all’addome. A dare l'allarme sarebbe stato il cognato della vittima con una telefonata al '118'. Il pregiudicato è stato trasportato agli Ospedali Riuniti di Foggia con un’ambulanza, ma è morto dopo alcune ore. 

Speranza aveva precedenti penali per furto e spaccio di sostanze stupefacenti. Nessuna delle persone che in quei frangenti si trovavano nella zona del ferimento ha saputo o voluto fornire indicazioni utili per le indagini.

COGNATO VITTIMA UNICO TESTIMONE

Sarebbe il cognato della vittima l'unico testimone dell'omicidio di Giuseppe Speranza, il trentenne pregiudicato e sorvegliato speciale di Foggia ferito ieri pomeriggio in un agguato alla periferia della città e morto nella notte negli Ospedali Riuniti di Foggia. È quanto emerso dalle prime indagini condotte dalla Squadra mobile di Foggia, mentre non è ancora chiaro il movente del delitto.

È stato lo stesso cognato di Speranza a dare l'allarme perchè, trovandosi nella zona dell'agguato (il rione Candelaro), ha telefonato al '118' facendo trasportare il parente con un'ambulanza in ospedale. Sul luogo dell'omicidio i poliziotti hanno trovato due bossoli calibro 9 e due pallottole inesplose dello stesso calibro.

Una decina, invece, le persone sentite dai poliziotti, ma nessuna di loro è stata sottoposta allo stub. Giuseppe Speranza aveva precedenti per furto e per rapina; nel 2003 era rimasto coinvolto in un'operazione della Squadra mobile di Foggia nei confronti di una presunta organizzazione dedita ai furti di autovetture.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725