Sabato 01 Ottobre 2022 | 02:52

In Puglia e Basilicata

Galatina «università» per top-gun della Nato

Galatina «università» per top-gun della Nato
di GAETANO CAMPIONE 
Sarà la casa comune di tutti i futuri piloti europei con le stellette. La base di Galatina, sede del 61° Stormo dell’Ae ronautica militare, l’«Università dell’aria» dell’Arma azzurra, lì dove si formano i nostri piloti, guarda con fiducia al futuro. Perchè entro il 2015 diventerà la scuola di volo internazionale scelta dalla Nato per l’addestramento avanzato. Naturalmente la struttura sarà aperta anche a partner extraeuropei, graditi all’Alleanza atlantica. Su tutti gli Emirati arabi e la Malesia

28 Dicembre 2009

di GAETANO CAMPIONE 

Sarà la casa comune di tutti i futuri piloti europei con le stellette. La base di Galatina, sede del 61° Stormo dell’Aeronautica militare, l’«Università dell’aria» dell’Arma azzurra, lì dove si formano i nostri piloti, guarda con fiducia al futuro. Perchè entro il 2015 diventerà la scuola di volo internazionale scelta dalla Nato per l’addestramento avanzato. Naturalmente la struttura sarà aperta anche a partner extraeuropei, graditi all’Alleaza atlantica. Su tutti gli Emirati arabi e la Malesia. 

E non è un caso se un paio di mesi fa una delegazione della Difesa degli Emirati, guidata dal colonnello Amid Oblid Hamid Al Mansouri, si è recata in visita alla Terza regione aerea. Lo scopo? Prendere una prima visione dei programmi, capire, in sintesi, come funzionerà la scuola. Il comune denominatore si chiama «M-346». È il nuovo gioiello dell’Aermacchi, l’unico velivolo da addestramento di ultima generazione attualmente in produzione in Europa che consente l’addestramento avanzato e pre-operativo, riducendo così le ore di volo su macchine più costose. 

Il programma Aejpt (Advanced european jet pilot training), ha infatti l'ambizioso obbiettivo di fornire un sistema di addestramento avanzato comune a livello europeo, al quale partecipano una decina di aeronautiche (tra le quali Italia, Francia, Germania, Spagna). 

L’«M-346» risponderebbe a tutti i requisiti. Attualmente l’aereo - destinato a sostituire gli «MB-339» - ha raggiunto un consolidato stato di maturità, superando tra l’altro la velocità del suono. Un successo anche commerciale. Secondo gli esperti nei prossimi anni il mercato assorbirà 2mila jet di questo tipo. L’Aermacchi pensa di venderne 800. Quarantotto sono stati già acquistati dagli Emirati arabi. E c’è l’interessamento di Singapore, Arabia Saudita, Qatar, Cile, Grecia, Indonesia, Portogallo, India e Stati Uniti. Italia compresa. 

Quattro dei sei esemplari già acquistati dalla nostra Aeronautica militare arriveranno a Galatina nel 2012 per una serie di prove e di test. La differenza dalla configurazione base sarà legata ad alcuni elementi aggiuntivi necessari per preparare i piloti destinati a volare sull’«F-35», il velivolo che prenderà il posto prima dei cacciabombardieri «Amx» e poi dei «Tornado». Nel frattempo la base pugliese crescerà. Si attrezzerà per ospitare dieci nuove hangarette per il ricovero e per la manutenzione dei velivoli, una palazzina per gli specialisti della linea volo, un centro addestramento di 2.700 mq, aule didattiche, sale briefing e tutto il necessario per assolvere al meglio il nuovo compito. 

Ma le novità con le stellette, per la Puglia, interessano anche Gioia del Colle, sede del 36° Stormo. Con l’arrivo del 2010 la base ospiterà il X° Gruppo del 37° Stormo che da Trapani si trasferirà nel Barese, passando dagli «F-16ADF» (il leasing con gli Usa sta scadendo), agli «Eurofighter» già in servizio presso il XII° Gruppo caccia intercettori. In questo modo sarà ottimizzato il sistema di difesa aerea integrata, concentrando su Gioia risorse impor tanti. Qui sono disponibili due sofisticati simulatori che consentiranno ai piloti di effettuare il passaggio da una macchina all’altra, riducendo i costi e le ore di volo. Con il simulatore è possibile effettuare missioni sull’intero territorio italiano, riprodotto utilizzando fotografie satellitari con risoluzione che arriva fino a 60 cm, compresi decolli ed atterraggi su numerosi aeroporti. Senza dimenticare la possibilità di ricreare missioni operative virtuali complesse, in tempo reale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725