Mercoledì 28 Settembre 2022 | 12:27

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

«Natale, lo "sciopero della pasta" è stato un successo. A Bari -56,5%»

«Natale, lo "sciopero della pasta" è stato un successo. A Bari -56,5%»
Nel giorno di Natale, sia a pranzo che a cena, il consumo di pasta di grano duro è calato del 59,6 rispetto al Natale scorso. Lo riferisce Contribuenti.it,l' Associazione Contribuenti Italiani con Lo Sportello del Contribuente, Lo Sportello Antiusura, Lo Sportello diversamente abili, Lo Sportello Immigrati, Lo Sportello Colf, Lo Sportello PMI e Lo Sportello Onlus, che ha organizzato lo "sciopero della pasta" per protestare contro l’aumento dei prezzi e a sostegno dell’intervento del Garante

25 Dicembre 2009

ROMA – Nel giorno di Natale, sia a pranzo che a cena, il consumo di pasta di grano duro è calato del 59,6 rispetto al Natale scorso. Lo riferisce Contribuenti.it,l' Associazione Contribuenti Italiani con Lo Sportello del Contribuente, Lo Sportello Antiusura, Lo Sportello diversamente abili, Lo Sportello Immigrati, Lo Sportello Colf, Lo Sportello PMI e Lo Sportello Onlus, che ha organizzato lo "sciopero della pasta" per protestare contro l’aumento dei prezzi e a sostegno dell’intervento del Garante. 

Il maggior calo nei consumo si registra, secondo i dati rilevati in 40 città, nella provincia di Napoli con – 64,9% di pasta di grano duro consumata, seguito da Roma con – 63,7%, Torino con -63,4%, Milano con -62,8%, Palermo con -62,3%, Genova con -61,8%, Treviso con – 60,6%, Bergamo con -58,3%, Firenze con -57,0%, Bari con -56,5%, Cagliari con -53,6%, Campobasso con -52,1%. 

«Il successo dello sciopero conferma che gli italiani sono sempre più preoccupati del caro vita – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani – In Italia abbiamo assistito ad una lievitazione dei prezzi dei generi di prima necessità pari al doppio della media europea».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725