Mercoledì 17 Agosto 2022 | 12:18

In Puglia e Basilicata

Bimba di 5 anni «Papà mi palpa» In cella un bancario

Bimba di 5 anni «Papà mi palpa» In cella un bancario
di MIMMO MAZZA 
TARANTO - Un funzionario di banca originario di Castellaneta è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari Patrizia Todisco su richiesta del pubblico ministero Filomena Di Tursi. Pesantissima l’accusa contestata all’uomo: violenza sessuale nei confronti della figlioletta di 5 anni. Violenza sessuale che si sarebbe concretizzata in palpeggiamenti e sfregamenti sulle parti intime della bambina quando i due riposano assieme il pomeriggio

23 Dicembre 2009

TARANTO - Un funzionario di banca originario di Castellaneta è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari Patrizia Todisco su richiesta del pubblico ministero Filomena Di Tursi. Pesantissima l’accusa contestata all’uomo: violenza sessuale nei confronti della figlioletta di 5 anni. Violenza sessuale che si sarebbe concretizzata in palpeggiamenti e sfregamenti sulle parti intime della bambina quando i due riposano assieme il pomeriggio. La vicenda è finita all’attenzione della pollizia a seguito della denuncia presentata dalla mamma delle due bambine, da qualche tempo separata dal marito.

L’inchiesta è scattata alla fine di giugno e si concretizzata con l’affidamento di una perizia ad una psicologa che ha ascoltato sia la bambina vittima delle attenzioni del padre che del fratellino di 7 anni. Il bambino ha raccontato di aver visto il padre abbracciato alla sorellina il pomeriggio, durante i riposini, e di aver notato altri atteggiamenti strani da parte del proprio genitore. Anche la bambina ha confermato la versione della sua mamma, che peraltro non si può allo stato escludere sia stata mossa anche da sentimenti di vendetta nei confronti del suo ex marito che nel frattempo ha una nuova compagna con la quale si stava ricostruendo una vita dopo il matrimonio finito male. 

Gli elementi raccolti dalla polizia e la perizia affidata alla psicologa hanno comunque convinto il sostituto procuratore Filomena Di Tursi a chiedere l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare nei confronti del 43enne di Castellaneta, ordinanza emessa dal giudice delle indagini preliminari Patrizia Todisco ed eseguita ieri dagli agenti della Squadra Mobile, diretti dal vicequestore aggiunto Fabio Abis. Il funzionario di banca è stato condotto nella casa circondariale di Taranto dove si trova in regime di isolamento e stretta vigilanza in attesa dell’interrogatorio di garanzia con il gip nel corso del quale potrà, per la prima volta, offrire la sua versione dei fatti e tentare di smontare le terribili accuse che lo hanno fatto finire in carcere.
di MIMMO MAZZA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725