Lunedì 08 Agosto 2022 | 13:23

In Puglia e Basilicata

Corruzione e concussione condannato agente brindisino di Polizia Penitenziaria

Sono i reati per i quali Vito Cosimo Miacola, 49 anni, originario di Erchie in provincia di Brindisi e fino al febbraio scorso assistente capo della polizia Penitenziaria nel carcere «Port'Aurea» di Ravenna, ha patteggiato un anno e 11 mesi. Secondo quanto riportato dall’ordinanza di custodia cautelare chiesta a suo tempo dal Pm Stefano Stargiotti, le accuse partono dal luglio 2008 quando l’agente avrebbe ricevuto 300 euro per consegnare clandestinamente a un detenuto messaggi da una donna

22 Dicembre 2009

RAVENNA – Corruzione, istigazione alla corruzione e tentata concussione. Sono i reati per i quali Vito Cosimo Miacola, 49 anni, originario di Erchie in provincia di Brindisi e fino al febbraio scorso assistente capo della polizia Penitenziaria nel carcere «Port'Aurea» di Ravenna, ha patteggiato un anno e 11 mesi. Secondo quanto riportato dall’ordinanza di custodia cautelare chiesta a suo tempo dal Pm Stefano Stargiotti, le accuse partono dal luglio 2008 quando l’agente avrebbe ricevuto 300 euro per consegnare clandestinamente a un detenuto messaggi da una donna. 

Ad agosto Miacola avrebbe minacciato un altro detenuto prima per telefono e poi con vari sms dicendogli che se non avesse consegnato 500 euro, gli avrebbe fatto revocare il regime di semilibertà. Durante la stessa estate l’uomo avrebbe poi chiesto a un altro detenuto del danaro minacciandolo di scrivere, in caso di rifiuto, una relazione negativa sul suo comportamento. 

Nell’ambito dello stesso procedimento erano state a suo tempo arrestate dalla squadra Mobile di Ravenna altre due persone. Sui tratta di un collega e parigrado di Miacola, Giovanni Pipoli, 42 anni, di Foggia e anche lui fino a febbraio in forza al carcere di Ravenna. E di Antonio Sciuto, 56 anni, originario di Catania, in passato detenuto a Ravenna e ora rinchiuso nel carcere di massima sicurezza di San Gimignano (Siena). I due, sempre per fatti di presunta corruzione dietro alle sbarre, verranno giudicati a metà gennaio per abbreviato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725