Sabato 13 Agosto 2022 | 12:09

In Puglia e Basilicata

Confindustria Puglia preoccupazione per l'economia locale

Confindustria Puglia preoccupazione per l'economia locale
Confindustria Puglia continua ad esprimere la sua più viva preoccupazione per l’andamento dell’economia regionale. In una conferenza stampa, stamani, è stato evidenziato che «i segnali di ripresa – che pure si sono avvertiti nel terzo trimestre dell’anno anche nel nostro sistema produttivo, sia pure con differenze settoriali e territoriali, non si stanno purtroppo intensificando»
• De Bartolomeo: nel 2010 una timida ripresa

22 Dicembre 2009

BARI – Confindustria Puglia continua ad esprimere la sua più viva preoccupazione per l’andamento dell’economia regionale. In una conferenza stampa, stamani, è stato evidenziato che «i segnali di ripresa – che pure si sono avvertiti nel terzo trimestre dell’anno anche nel nostro sistema produttivo, sia pure con differenze settoriali e territoriali, non si stanno purtroppo intensificando. La ripresa, dunque, appare sinora lenta e temiamo che tale resterà anche nella prima metà del 2010». 
Secondo Confindustria Puglia «l'impatto di tale lentezza sui livelli occupazionali non sarà postivo, ed anche se le imprese sono impegnate almeno a conservare il loro personale – pur con il passaggio ormai prevalente alla cassa integrazione straordinaria – tuttavia manifestiamo il timore che l'occupazione complessiva difficilmente potrà crescere. 

La Finanziaria in via di approvazione da parte del Parlamento, pur contenendo alcune misure utili per l’economia, appare tuttavia segnata in prevalenza dalla preoccupazione di contenere la spesa e il debito pubblico. Preoccupazione sicuramente fondate in termini macroeconomici, ma non confortate – nel dispositivo della Finanziaria stessa – da un vero, forte, drastico, taglio strutturale della spesa pubblica improduttiva. Alcune misure vanno nella misura giusta, ma sono troppo timide, molto parziali, e appaiono più annunci che risparmi ef fettivi. 

Per Confindustria Puglia, i Fondi FAS non vengono ancora erogati alla Puglia « ma non possiamo e vogliamo neppure tacere una eguale preoccupazione per la ancora debole capacità di spesa in Puglia dei precedenti Fondi Fas e dei Fondi comunitari, con l’eccezione di quelli destinati al finanziamento alle imprese. Non è solo la Regione che spende lentamente, ma anche l’intero sistema delle Autonomia locali, sia pure con alcune eccezioni. E se è vero che molti Comuni e Province sono ai limiti di spesa delle soglie fissate dal Patto di stabilità interno, è anche vero che si stanno accumulando da tempo ritardi ormai insostenibili nella definizione dei piani di spesa di risorse, come ad esempio quelle destinati alle 10 aree vaste della Puglia». 

«Occorre – secondo Confindustria Puglia-un cambio di passo nella politica della spesa per investimenti da parte della Regione e del sistema delle autonomie locali in Puglia. Ma allora, proprio per i ritardi ormai gravi nella definizione e nell’avvio dei programmi di spesa dei finanziamenti comunitari, sarebbe stato auspicabile che Regione ed Enti locali almeno non ostacolassero i programmi di investimenti di grandi imprese italiane ed estere che da anni vogliono investire per creare e potenziare impianti industriali e grandi centri di servizi nel nostro territorio e che invece devono subire una sistematica e irriducibile opposizione di alcune Amministrazioni e di associazioni, preoccupate solo di fare ostruzionismo». Confindustria Puglia – proprio perchè aveva condiviso la scelta di puntare sul potenziamento delle rinnovabili sul nostro territorio – deve lamentare ad oggi la lentezza con cui vengono approvati i vari piani presentati per investimenti nell’eolico, nel fotovoltaico e nelle centrali a biomasse. 

Anche sull'iter di approvazione dei programmi operativi dei Distretti, Confindustria Puglia osserva che «oggi corriamo il rischio di veder rallentato da parte della Regione l’avvio della concreta operatività dei Distretti stessi. Per taluni distretti infatti – al di là di quanto richiesto per alcuni adempimenti formali sicuramente da recepire – si sono sollecitate analisi di contesto e revisione dei programmi presentati. Tale revisione che dovrà stabilire le priorità degli interventi, non tiene conto, a parere di Confindustria Puglia e delle aziende aderenti ai distretti - che all’interno degli stessi le esigenze delle imprese sono oltremodo diversificate e, pertanto, possono essere soddisfatte solo con programmi ampi in cui si incontrino le esigenze delle società trainanti con quelle che rivestono pesi e ruolo diversi». L’orientamento di Confindustria Puglia, pertanto, è quello di sollecitare alla Regione una rapida approvazione dei programmi presentati, eventualmente trasformando in prescrizioni e suggerimenti gli orientamenti e le analisi che si intendessero proporre dal Nucleo di valutazione. 

Altro elemento su cui Confindustria Puglia intende richiamare con forza l’attenzione della Regione è quello del riconoscimento da pare sua dei crediti che tante aziende vantano nei confronti dell’Ente, ai fini della loro più rapida bancabilità. In caso contrario, v'è il rischio concreto – in un momento di estrema difficoltà finanziaria delle aziende – che i crediti pur vantati nei confronti dell’Ente non possano essere scontati in banca, in assenza di un loro riconoscimento da parte della Regione. Confindustria Puglia intende partecipare attivamente - per quanto di sua competenza territoriale – al Progetto Italia 2015 che Confindustria nazionale sta mettendo a punto secondo quanto annunciato dalla Presidente Marcegaglia. «Se non delineamo un orizzonte credibile per il Paese a medio termine, c'è il rischio concreto che esso affondi in un lungo periodo di stagnazione, con progressiva distruzione di molta della ricchezza che abbiamo creato negli ultimi anni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725