Mercoledì 10 Agosto 2022 | 06:24

In Puglia e Basilicata

Petruzzelli story «E' valido l'accordo Stato-Messeni»

Petruzzelli story «E' valido l'accordo Stato-Messeni»
A stabilirlo il giudice monocratico del Tribunale di Bari Enrico Scoditti che ha rigettato la domanda proposta nel 2008, in via riconvenzionale dalla Regione Puglia, per far dichiarare nullo il protocollo d’intesa tra Stato, enti pubblici e la famiglia Messeni Nemagna circa la ricostruzione e la gestione del Teatro Petruzzelli. L’avvocato Amenduni a nome della famiglia proprietaria del teatro: ora si rispetti il contratto. La Regione Puglia condannata a pagare le spese processuali
• Assessore regionale Godelli: colpa dei ritardi del Comune di Bari
• Il sindaco di Bari: da noi nessun comportamento lesivo
• L'avvocato della Regione Puglia: si valuta se ricorrere in appello

18 Dicembre 2009

BARI - Il giudice monocratico del Tribunale di Bari Enrico Scoditti ha rigettato la domanda proposta nel 2008, in via riconvenzionale dalla Regione Puglia, per far dichiarare nullo il protocollo d’intesa tra Stato, enti pubblici e la famiglia Messeni Nemagna circa la ricostruzione e la gestione del Teatro Petruzzelli. Ne dà notizia l’avvocato Ascanio Amenduni a nome della famiglia proprietaria del teatro la quale, negli ultimi mesi, ha protestato per la totale estromissione dai suoi diritti sull'immobile. 

“Per usare un termine diffuso – commenta Amenduni, in attesa di conoscere lunedì prossimo le motivazioni del provvedimento - spero che questa sentenza produca un effetto domino, nel senso che induca tutti i soggetti pubblici che hanno boicottato il protocollo d’intesa ad eseguirlo fedelmente: il rispetto dei contratti solenni è garanzia di civiltà in una società sempre più insofferente delle procedure e degli accordi, se non del diritto in genere”.

Il giudice ha condannato la Regione Puglia al pagamento delle spese processuali in favore di Maria, Teresa, Chiara, Maria Rosalba, Stefania Messeni Nemagna e Nunziata Metteo. La causa era stata originata dalla domanda, anch’essa rigettata per difetto d’interesse ad agire, proposta da Vittoria Messeni Nemagna per la tutela del marchio 'Teatro Petruzzelli'.

Secondo il protocollo d’intesa del 21 novembre 2002, la Fondazione Petruzzelli ha l’obbligo contrattuale di pagare tutti i conti della ricostruzione e di gestire in cambio il teatro, per 40 anni, pagando un canone di 500 mila euro l’anno. “La Fondazione – rileva l’avv.Amenduni – si è insediata nel teatro di fatto, e non nel binario contrattuale. Tant'è che non intende pagare alcun canone alla famiglia Messeni Nemagna”. 

La sentenza che riconosce la validità del protocollo d’intesa siglato nel 2002 sulla ricostruzione e la gestione del teatro Petruzzelli è stata originata da una causa intentata da una delle eredi, Vittoria Messeni Nemagna, per la tutela del marchio 'Teatro Petruzzelli'. Il Tribunale di Bari in quel caso rigettò la domanda di risarcimento del danno, un euro a titolo simbolico, per difetto d’interesse ad agire da parte di Vittoria Messeni Nemagna che originariamente era assistita dall’avv.Michele Costantino mentre ora lo è da parte di Ciro Garibaldi. L'erede fu condannata anche al pagamento delle spese processuali in favore di Comune e Provincia di Bari e Fondazione lirico sinfonica Petruzzelli e teatri di Bari.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725