Martedì 09 Agosto 2022 | 22:46

In Puglia e Basilicata

Fitto: se non fossi stato deputato avrei subito ingiusto arresto

Fitto: se non fossi stato deputato avrei subito ingiusto arresto
«Se io non fossi stato deputato sarei stato arrestato nel 2006 sulla base di accuse che sono crollate nell’udienza preliminare. Questo è il dato». Lo ha detto il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, parlando con i giornalisti della sua vicenda processuale e sul proscioglimento dalle più grave accuse mossegli dalla procura di Bari.
• Caso Angelucci: ministro Fitto rinviato a giudizio
• Ci sono anche imprenditori e politici: ECCO I NOMI
• Fitto: il Gup chiarisce che non esiste l'associazione a delinquere
• Difesa Fitto: demolite accuse pm
• La Procura: i provvedimenti si rispettano
• L'inchiesta Sanità che ha coinvolto il ministro Fitto
• A febbraio l'altro processo per concorso in turbativa d'asta e interesse privato
• LE REAZIONI: Bondi, Cicchitto, Verdini, Vitali, Palese

12 Dicembre 2009

LECCE – «Se io non fossi stato deputato sarei stato arrestato nel 2006 sulla base di accuse che sono crollate nell’udienza preliminare. Questo è il dato». Lo ha detto il ministro per i rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, parlando con i giornalisti della sua vicenda processuale e sul proscioglimento dalle più grave accuse mossegli dalla procura di Bari. 

«Quando si gioca con la libertà personale dei cittadini - ha insistito – bisogna essere non prudenti, ma molto di più, e cercare di utilizzarla con un atteggiamento molto più responsabile di quanto non si sia fatto sino adesso».

"MIE SPESE PER DIFESA NON A PORTATA DI TUTTI" 
Al ministro per i Rapporti con leRegioni, Raffaele Fitto, indagato da anni dalla Procura della Repubblica di Bari, è costato “molto” difendersi dalle accuse. Lo ha detto rispondendo a una domanda. “Non voglio fare cifre – ha detto – però diversi avvocati e periti per poter certificare che le telefonate ascoltate da noi erano riportate in modo corretto, con consulenze approfondite, consulenze, approfondimenti”. “Quello che ho speso sino ad oggi – ha aggiunto Fitto – sicuramente non è alla portata della stragrande maggioranza dei cittadini. Questa è una cosa molto grave: non ci si può difendere non avendo la possibilità, in molti casi, di potersi difendere”. 

“Detto questo – ha concluso – anche con tutti i mezzi, se io non fossi stato deputato, non starei qui a raccontare l’esito di questo procedimento, e molto probabilmente sarei una persona distrutta perchè avrei fatto nel 2006 qualche mese di carcere su accuse che sono cadute nell’udienza preliminare”.

FITTO: PER ME RECORD INTERCETTAZIONI 150 MILA
Il ministro per i Rapporti con leRegioni, Raffaele Fitto, indagato dalla Procura della Repubblica di Bari, ha subito “un numero record’' di intercettazioni, oltre 150 mila. Lo ha ribadito ai giornalisti con i quali oggi ha commentato la decisione del gup barese che ieri lo ha prosciolto dalle accuse più gravi nell’inchiesta in cui è coinvolto. 

Fitto ha aggiunto di non sapere “se altri sono stati intercettati più di me”, e ha ricordato, in particolare, che le intercettazioni a Luciano Moggi “si fermano a 90mila”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725