Giovedì 11 Agosto 2022 | 09:50

In Puglia e Basilicata

Checco Zalone sbanca il botteghino:«Mi sento l'unghia di Totò»

Checco Zalone sbanca il botteghino:«Mi sento l'unghia di Totò»
L'attore e cabarettista barese si è svegliato tramortito dal successo del suo film d’esordio («Cado dalle nubi», regia di Gennaro Nunziante) che ha incassato nel primo weekend d’uscita quasi tre milioni di euro, battendo il kolossal di vampiri «New Moon». «Oggi mi sento l’unghia del mignolo di Totò», dice fiero l’attore Luca Medici, musicista, laureato in legge che ha scelto come nome d’arte una crasi dal dialetto barese ('Che cozzalone!', che significa 'Che grande cafone!')
• «L'uomo nero» di Rubini dal 4 dicembre al cinema

30 Novembre 2009

ROMA – Checco Zalone si è svegliato tramortito dal successo del suo film d’esordio che ha incassato nel primo weekend d’uscita quasi tre milioni di euro, battendo il kolossal New Moon. «Oggi mi sento l’unghia del mignolo di Totò», dice fiero l’attore Luca Medici, musicista barese, laureato in legge che ha scelto come nome d’arte una crasi dal dialetto barese ('Che cozzalone!', che significa 'Che grande cafone!'). 

«Sono un neofita, frasi come media per sala mi suonano male, quello che posso dire è che avevamo riempito d’aglio le sale per scacciare i vampiri. E poi che bello, un film con un budget all’italiana battere i numeroni americani», prosegue Zalone che non smette di ringraziare Gennaro Nuziante, regista esordiente del suo film e suo primo scopritore anni fa quando Checco Zalone muoveva i primi passi a Telenorba nel programma parodia «I Sottanos». 

«Ficarra e Picone mi hanno chiamato nei giorni scorsi per dirmi buona fortuna e augurarmi di avere successo con 'Cado dalle nubi' ma di restare mille euro sotto il loro incasso! Incredibile: quei due ci hanno preso» scherza Zalone secondo cui «non prendersi troppo sul serio» è un buon segreto per il successo. «Il mio è un film sincero, fatto da tanti attori veri come Giulia Michelini, Dino Abbrescia, Fabio Troiano, Ivano Marescotti. Io da parte mia posso aggiungere di non essere un attore vero però mi riconosco il coraggio di un film che ha una piccola storia con un cuore comico e non si basa solo sulle gag portate in tv anche se l’irriverenza del personaggio è la stessa. In fondo debuttare al cinema è stato un rischio. In questo caso devo tutto al figlio del produttore Pietro Valsecchi che ha costretto il padre a vedere le mie performance neomelodiche su YouTube». 

Medusa poi ci ha creduto programmando l'esordio di Zalone in oltre 400 sale. Checco Zalone, 32 anni, nato a Capurso in provincia di Bari, ci ha preso gusto e andrà avanti con il cinema: «il contratto con Valsecchi prevedeva l’opzione per un secondo film e credo proprio che si farà».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725