Giovedì 18 Agosto 2022 | 02:56

In Puglia e Basilicata

La Regione aiuta i cassintegrati e ultra 50enni

La Regione aiuta i cassintegrati e ultra 50enni
BARI - L’Assessorato regionale al Lavoro ha trasmesso agli Uffici della Giunta la delibera inerente il progetto «Welfare to work» finalizzato a sviluppare politiche attive per il lavoro ed a garantire sostegno al reddito dei lavoratori. La delibera comporta un impegno di spesa di oltre 55 mln di euro, di cui 40 mln sul fondo sociale europeo mentre si è in attesa dei più volte annunciati finanziamenti del Ministero del Lavoro indicati in circa 10 mln. La gravità della crisi economica e le sue conseguenze sulle famiglie e su chi ha perso il lavoro spingono pertanto la Regione a non attendere ulteriormente l’intervento dello Stato ed a fare da se e con le proprie risorse. Non è del resto la prima volta che cioè succede in questi mesi. Welfare to work darà vita ad una serie di interventi che si svolgeranno attraverso avvisi pubblici.

28 Novembre 2009

Bari - L’Assessorato regionale al Lavoro ha trasmesso agli Uffici della Giunta la delibera inerente il progetto «Welfare to work» finalizzato a sviluppare politiche attive per il lavoro ed a garantire sostegno al reddito dei lavoratori. La delibera comporta un impegno di spesa di oltre 55 mln di euro, di cui 40 mln sul fondo sociale europeo mentre si è in attesa dei più volte annunciati finanziamenti del Ministero del Lavoro indicati in circa 10 mln. La gravità della crisi economica e le sue conseguenze sulle famiglie e su chi ha perso il lavoro spingono pertanto la Regione a non attendere ulteriormente l’intervento dello Stato ed a fare da se e con le proprie risorse. Non è del resto la prima volta che cioè succede in questi mesi. Welfare to work darà vita ad una serie di interventi che si svolgeranno attraverso avvisi pubblici.

Il progetto contiene anche le misure per i disoccupati ultracinquantenni per i quali la Regione ha già operato con uno stralcio attraverso un avviso pubblico e un finanziamento di 5 mln, avviso pubblicato sul Burp. In questo caso i frequentanti i corsi percepiranno una diaria di 500 euro mensili per tre mesi. Welfare to work ha avuto il consenso di Province e partenrariato sociale e l’autorizzazione del Ministero del Lavoro.

«Ora –dichiara l’assessore al Lavoro, Losappio- la Puglia avvia una robusta terapia per frenare l’emoragia della crisi. I lavoratori saranno sostenuti nel reddito ed avranno integrazioni degli ammortizzatori. Centri ed Enti di formazione potranno misurare le proprie capacità fornendo la necessaria qualificazione professionale, le imprese che intendono assumere avranno incentivi ed aiuti, i dipendenti che proveranno la via dell’autoimpiego troveranno il necessario supporto economico. I nostri impegni sono dunque mantenuti».

L’assessoreMichele LosappioXxxxxxxxxxxx
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725